pubblicato il

Dal 23 settembre siti e app mobile diventeranno accessibili alle persone disabili


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Domenica 5 agosto ho avuto la possibilità di assistere ai Mondiali di Paraciclismo a Maniago. Questa cittadina della pedemontana pordenonese è un virtuoso esempio di accessibilità, perché fornita di molti comfort per essere fruibile dalle persone disabili.

accessibile italia
Ma l’accessibilità non riguarda solo le infrastrutture fisiche, bensì anche tutti i servizi nel campo della tecnologia e del digitale. Infatti, da quest’autunno assisteremo a un cambiamento proprio in tal fronte. La Commissione europea con la direttiva 2016/2102 ha stabilito che dal 23 settembre 2018 si inizi ad armonizzare i siti web e le applicazioni per i cellulari all’interno di tutti gli Stati dell’Unione europea. Questa decisione è stata presa in sinergia con il Parlamento europeo, in particolare dalla Commissione di cui sono stato relatore proprio in merito a questo progetto. Sarà necessario formare i dipendenti delle Pubbliche amministrazioni in modo che non solo le piattaforme siano accessibili, ma anche i documenti e i contenuti che vengono prodotti e caricati successivamente dai dipendenti pubblici, siano fatti per essere fruibili da tutti. Infatti, un cittadino disabile non può rinunciare ai servizi offerti dalla PA solo perché questi non gli sono resi accessibili. Alla luce di ciò, le amministrazioni saranno tenute a dichiarare la loro conformità o non conformità ai requisiti richiesti.
Le tempistiche di recepimento della direttiva si dividono in due fasi, a seconda della data di pubblicazione dei siti. I siti web messi online dal 23 settembre 2018 avranno l’obbligo di adeguarsi dal 23 settembre 2019, mentre quelli già in rete prima del 23 settembre di quest’anno dovranno applicare la direttiva dal 23 settembre 2020. Ma non dimentichiamo le app mobile, parte della vera rivoluzione di questa riforma, che si allineeranno a partire dal 23 giugno 2021
Nonostante tutto, però, l’Italia può vantare dal 2004 la legge Stanca, che la fa risultare piuttosto avanti in termini di accessibilità web rispetto agli altri Stati dell’Unione europea. È proprio all’interno di questa legge che viene introdotto il concetto di accessibilità in ambito tecnologico e dei servizi web, insieme a quello di tecnologie assistive. Queste ultime riguardano strumenti o soluzioni tecniche che, riducendo le condizioni di svantaggio, permettono alla persona disabile di accedere alle informazioni e ai servizi disponibili sui sistemi informatici.
Ancora una volta mi sento di ribadire che migliorando la vita di un disabile, inevitabilmente permette di ottenere un beneficio per tutta la comunità.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Tutelato il riso italiano grazie ai dazi sull’importazione da Cambogia e Myanmar

La Commissione europea ha finalmente accolto le richieste sostenute a gran voce dal Movimento 5 Stelle e dal Governo Conte, di introdurre i dazi sulle importazioni di riso dalla Cambogia e dal Myanmar. Si tratta della battaglia sul riso di cui vi avevo già parlato in questo articolo: bit.ly/Dazi_Riso. Quest’anno per ogni tonnellata di riso▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Reddito di Cittadinanza: lo Stato vicino alle persone

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il Reddito di Cittadinanza e la Quota 100, raggiungendo una tappa davvero fondamentale. Infatti, sono due misure che costituiscono un grande progetto di politica economica e sociale e vanno a rispondere agli impegni che il nostro Governo ha preso fin dall’inizio con i cittadini e che il Movimento▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Dopo anni di battaglie in Parlamento il Reddito di Cittadinanza diventa realtà anche in Italia. Una rivoluzione felice: da ora lo Stato non ti chiede, ma ti dà. Una grande vittoria, non solo per il Movimento 5 Stelle, ma per tutto il popolo italiano, soprattutto per le 5 milioni di persone che momentaneamente si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il mio intervento a La Bussola: ecco di cosa abbiamo parlato

Questa settimana sono stato ospite del programma TV “La Bussola” andato in onda su Rai News 24. Vi racconto di cosa abbiamo parlato. Il primo argomento che ho affrontato riguardava l’identità europea. Sono convinto che in Europa dovremmo ritrovare un’unità politica per far sì che si ricrei un identità europea, che ad oggi manca. Tutto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare