pubblicato il

Dieselgate, basta al conflitto di interesse tra Stato e industria


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri in plenaria abbiamo votato il report sulla “Vigilanza dei veicoli a motore”.

Con questa votazione avremmo avuto la possibilità di superare quel legame politico che vi è tra le case automobilistiche e i governi che rilasciano le omologazioni. Dico “avremmo” perché ancora una volta il Parlamento europeo ha mancato l’appuntamento con la difesa di diritti sacrosanti.

Questo legame come tutti purtroppo sappiamo, è sfociato nel noto scandalo Dieselgate, che non solo ha aperto gli occhi dei cittadini europei su un eclatante e drammatico conflitto di interessi tra i presunti controllori e controllati, ma ha rovinato l’immagine del mercato automobilistico europeo e ha dato molto da pensare sull’effettivo funzionamento del mercato unico europeo.

Ieri, avremmo potuto offrire ai cittadini una normativa in grado di superare questi conflitti di interesse, ma ciò non è stato.

Seppure nella nuova normativa ci sia qualche elemento positivo, ad esempio si sancisce che in ogni Stato membro venga controllato il 20% dei nuovi veicoli immessi nel mercato (questo significa che un nuovo modello FIAT dovrebbe passare l’approvazione di tutti gli Stati membri, rendendo così difficile una manipolazione della valutazione da parte degli Stati a cui appartiene l’azienda produttrice), il Parlamento non ha avuto coraggio per andare fino in fondo come avrebbe dovuto.

Il MoVimento 5 Stelle aveva proposto un sistema a prova di frode, con un organismo terzo e indipendente in grado di controllare ciò che le autorità nazionali approvano, e su questo abbiamo presentato degli specifici emendamenti. Questo sistema sarebbe stato molto simile a quello usato negli Stati Uniti: sistema che si è dimostrato effettivamente funzionale, tanto da aver scoperto gli inganni della Volkswagen.

Ovviamente la maggioranza del Parlamento Europeo ha mancato ancora una volta di coraggio e si è opposta.

Mi chiedo fino a che punto si siano fatti gli interessi dei cittadini e quelli delle lobby


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Monsanto: sempre più le prove che confermano la relazione del pesticida con il cancro

Sempre di più sono le cause legali che vengono messe in piedi contro la Monsanto, la multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e che da qualche mese è stata acquisita dalla Bayer. La storia che negli ultimi giorni ha ottenuto maggior risalto mediatico è stata quella di DeWayne Johnson, un ex giardiniere che per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Cittadini nelle Istituzioni: la grande rivoluzione del MoVimento

“Ed é questa la grande rivoluzione del MoVimento 5 Stelle: cittadini nelle istituzioni che lavorano per i cittadini verso un progetto di miglioramento della qualità della vita. Se questo vuol dire essere populisti, allora lo siamo. “

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fucina – Il futuro in tavola

Io personalmente penso che la politica abbia una responsabilità enorme nel costruire il futuro. Penso però anche che sia la buona volontà dei cittadini a determinare la strada concreta da poter intraprendere. Ecco perché nell’evento “Fucina – Il futuro in tavola” tenutosi a Palmanova ho voluto fortemente coinvolgere chi, con le proprie azioni, si è▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare