pubblicato il

#Dieselgate: la morte viaggia su strada


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia.


I dati, abbastanza impietosi, provengono da due studi internazionali, uno dell’International Institute for Applied Systems Analysis (IIASA) e l’altro del Norwegian Meteorological Institute (MetNorway).
In pratica, mentre il famoso PM2.5 viene in qualche modo arginato dai filtri delle auto, gli ossidi di azoto (NOx) sfuggono a questi e si liberano nell’atmosfera, mescolandosi ad altre particelle nocive e formando così altro PM2.5. Gli ossidi di azoto superano di 400 volte i limiti prefissati dall’Ue, quindi potete immaginare il potenziale nocivo che si portano dietro.

Detto ciò, ritengo che la vera responsabilità stia in chi ancora oggi non riesce né ad immaginare un mondo che si alimenti di energia pulita, di sistemi energetici sostenibili, né fa nulla perché questa scelta, che ormai è l’unica perseguibile, acceleri il proprio percorso.

Proprio domani il caso #Dieselgate sarà nuovamente discusso qui a Strasburgo, dove parleremo di omologazioni e vigilanza su veicoli a motore.

Dobbiamo bloccare l’immatricolazione di auto a carburazione inquinante, decongestionare il traffico da questi mezzi, in primis nei centri cittadini e sulle grandi arterie, proprio dove il numero di decessi per queste cause è abnorme. E soprattutto dobbiamo attuare un piano energetico che preveda una mobilità diversa, totalmente sostenibile, un trasporto merci su rotaia. Con la vita delle persone non si scherza.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: professionisti al passo coi tempi

Anche nel settore agroalimentare l’attenzione verso la tecnologia è sempre più alta. Dall’agricoltura di precisione tramite droni, ai trattori guidati in automatico dai satelliti, è sempre più evidente che la progettualità degli investimenti è orientata al settore dell’innovazione tecnologica. Basti pensare al caso della blockchain i cui sofisticati sistemi informatici hanno bisogno di nuove infrastrutture▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Ambiente: una sfida che ci vede tutti protagonisti!

Se ne è sentito tanto parlare su qualsiasi mezzo di comunicazione, ed è bene non lasciar cadere nel dimenticatoio quello per il quale il mondo intero sta iniziando a combattere. Con il #Fridaysforfuture abbiamo assistito ad una grande mobilitazione collettiva, un movimento che vede le sue radici in anni di attivismo e nell’impegno di molte▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare