pubblicato il

Digital revolution: un’opportunità da cogliere per le imprese


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nel panorama lavorativo internazionale si parla moltissimo di “digital revolution”, un fattore cruciale per qualsiasi azienda che voglia rimanere al passo con i tempi. Con questo termine ci si riferisce alla grande crescita dei media digitali che ha dato vita a nuove professioni web e allo sviluppo di nuove tecnologie che stanno rivoluzionando il mondo.

Digital revolution

Oggi in Italia abbiamo da investire ancora molto. Il mercato digitale si potrà sviluppare se saremo in grado di soddisfare i tre pilastri base del quadro comune: uguaglianza, partecipazione e fiducia.

Uguaglianza significa poter usufruire delle medesime possibilità e, per esempio, avere una banda sufficientemente veloce.

Cittadinanza vuol dire anche partecipazione. Un utilizzo passivo del mercato digitale non giova né ai consumatori né alle imprese: per sviluppare appieno il potenziale del settore, abbiamo bisogno che gli utenti partecipino in modo attivo e proattivo. Dobbiamo perciò sviluppare un ambiente che favorisca e semplifichi gli scambi sia tra privati, sia tra imprese, sia a livello di amministrazione pubblica. Le future proposte legislative dovranno dare grande impulso all’e-government.

Non dobbiamo trascurare la componente della fiducia. I cittadini impareranno a sfruttare il potenziale del mercato unico digitale solo se sentiranno di essere adeguatamente tutelati. Dobbiamo inoltre garantire che per i consumatori, in particolare per gli acquirenti digitali, valgano gli stessi diritti che possono invocare nella vita quotidiana, soprattutto negli scambi commerciali.  Solo unendo questi concetti si potrà dare seguito alla vera cittadinanza digitale, che dia a tutti gli stessi diritti e pari opportunità di accesso ai servizi.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fake news e contenuti illegali online: cosa propone l’unione europea?

La battaglia alle fake news e ai contenuti illegali si fa sempre più attuale e rilevante, in particolare nel vastissimo mondo del web. A Bruxelles ora si punta a definire un codice di buone pratiche sul tema della disinformazione entro luglio 2018, con l’obiettivo di ottenere un impatto misurabile entro ottobre 2018. Nel mirino tutte le piattaforme▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Direttiva Copyright. #SalviamoInternet dalla censura europea

L’ultima direttiva in materia di diritto d’autore nel mercato unico digitale risale al 2001, quando ancora nessuno poteva immaginare la grande rivoluzione che avrebbe portato Internet e l’arrivo dei social network. Ora il Parlamento Europeo ha deciso di aggiornare la propria posizione con una nuova direttiva che, di fatto, rischia di mettere a repentaglio la▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per il digital

Le città occupano soltanto il 3% della superficie del mondo, eppure sono la causa del consumo di ben tre quarti dell’uso di risorse e del 75% delle emissioni globali. È per questo motivo che ho dedicato il mio impegno politico anche a sostegno di un investimento mirato in infrastrutture sostenibili e ricerca, in modo tale▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare