pubblicato il

Direttiva servizi: sovranità a rischio, l’UE scavalca gli Stati


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi in Commissione Mercato Interno (IMCO) è stato votato un argomento molto spinoso riguardante la Direttiva Servizi, ovvero la revisione della procedura di “notificazione” da parte degli Stati membri e delle loro amministrazioni locali delle disposizioni legislative e regolamentari che adottano.

Nei cambiamenti che la Commissione Mercato Interno ha introdotto rispetto alla proposta iniziale della Commissione europea, si prevede che quest’ultima possa bloccare per almeno tre mesi uno Stato membro, come l‘Italia, dall’approvare un provvedimento fintanto che la Commissione europea stessa non gli dia il proprio benestare.

Per noi questo è inaccettabile, perché sovverte il principio di sovranità nazionale, dove lo Stato membro deve essere libero di approvare le proprie leggi! Quello che la Commissione europea potrebbe fare è avanzare delle osservazioni per segnalare allo Stato membro le eventuali incongruenze con l’ordinamento dell’Unione europea, fino ad arrivare eventualmente, in ultima istanza, alla Corte di giustizia europea per avviare un’infrazione.
Invece, attraverso questa direttiva, l’UE entra nel merito della capacità di legiferare dei singoli Stati membri. Questa è un’intromissione inammissibile in ciò che riguarda la sovranità, e dunque la libertà, dei singoli Stati membri.

Non sta alla Commissione europea stabilire se una legge nazionale è giusta o sbagliata, non sta alla Commissione europea sostituirsi di fatto alla Corte di giustizia europea.

Noi del MoVimento 5 Stelle avevamo presentato degli emendamenti per migliorare la proposta della Commissione ma che non sono stati accolti dagli altri partiti. Pertanto noi abbiamo votato contro questo progetto di direttiva.

E ci stupisce invece che PD e Forza Italia, che in Parlamento europeo fanno parte rispettivamente del gruppo dei Socialisti&Democratici e del gruppo dei Popolari, hanno votato a favore di questo progetto di direttiva. Infatti mentre in Italia fingono di essere contrari alla Direttiva Servizi, a Bruxelles la rafforzano attraverso una procedura di notifica gravosa soprattutto per gli enti locali.

#DirettivaServizi


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Voto sulla PAC: Zullo all’Europarlamento

No a tagli indiscriminati, serve maggiore attenzione a chi contribuisce al bene comune con la propria attività     Conclusa con il voto dell’Assemblea la seduta Plenaria a Strasburgo sulla PAC: un voto che ancora non decide sull’applicazione della politica agricola ma delinea la posizione del Parlamento in merito alle priorità che dovranno essere al▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

La Commissione europea bandisce i pesticidi che sterminano le api!

Oggi vi annuncio una vittoria di grande rilevanza sul fronte della salute delle api. Infatti le rappresentanze degli Stati membri dell’UE hanno deciso di accogliere la proposta della Commissione Europea e di vietare così tre pericolosi pesticidi che da tempo sono stati individuati quali tra i maggiori responsabili della progressiva scomparsa delle api. Il clothianidin, l’imidacloprid e il▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

GDPR, cosa cambia da oggi per la tutela dei dati personali

Oggi, 25 maggio 2018, entra in vigore il Regolamento sulla protezione dei Dati, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. È fondamentale essere ben chiari, quando parliamo di tutela di dati, a cosa ci riferiamo e, qualora▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Cittadini dentro le istituzioni: l’incontro con il gruppo dal FVG al Parlamento europeo

Ogni anno il Parlamento europeo offre la possibilità ai propri cittadini, tramite il portavoce, di organizzare una visita guidata a Bruxelles per vedere “dal vivo” la struttura e conoscerne i meccanismi, troppo spesso ignorati. Credo molto in questa iniziativa, perché avvicina la gente alle istituzioni offrendo spazi di incontro, di ascolto e di informazione. È▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare