pubblicato il

Direttiva servizi: sovranità a rischio, l’UE scavalca gli Stati


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi in Commissione Mercato Interno (IMCO) è stato votato un argomento molto spinoso riguardante la Direttiva Servizi, ovvero la revisione della procedura di “notificazione” da parte degli Stati membri e delle loro amministrazioni locali delle disposizioni legislative e regolamentari che adottano.

Nei cambiamenti che la Commissione Mercato Interno ha introdotto rispetto alla proposta iniziale della Commissione europea, si prevede che quest’ultima possa bloccare per almeno tre mesi uno Stato membro, come l‘Italia, dall’approvare un provvedimento fintanto che la Commissione europea stessa non gli dia il proprio benestare.

Per noi questo è inaccettabile, perché sovverte il principio di sovranità nazionale, dove lo Stato membro deve essere libero di approvare le proprie leggi! Quello che la Commissione europea potrebbe fare è avanzare delle osservazioni per segnalare allo Stato membro le eventuali incongruenze con l’ordinamento dell’Unione europea, fino ad arrivare eventualmente, in ultima istanza, alla Corte di giustizia europea per avviare un’infrazione.
Invece, attraverso questa direttiva, l’UE entra nel merito della capacità di legiferare dei singoli Stati membri. Questa è un’intromissione inammissibile in ciò che riguarda la sovranità, e dunque la libertà, dei singoli Stati membri.

Non sta alla Commissione europea stabilire se una legge nazionale è giusta o sbagliata, non sta alla Commissione europea sostituirsi di fatto alla Corte di giustizia europea.

Noi del MoVimento 5 Stelle avevamo presentato degli emendamenti per migliorare la proposta della Commissione ma che non sono stati accolti dagli altri partiti. Pertanto noi abbiamo votato contro questo progetto di direttiva.

E ci stupisce invece che PD e Forza Italia, che in Parlamento europeo fanno parte rispettivamente del gruppo dei Socialisti&Democratici e del gruppo dei Popolari, hanno votato a favore di questo progetto di direttiva. Infatti mentre in Italia fingono di essere contrari alla Direttiva Servizi, a Bruxelles la rafforzano attraverso una procedura di notifica gravosa soprattutto per gli enti locali.

#DirettivaServizi


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il MADE IN obbligatorio per rilanciare l’Italia

In Europa ci battiamo per introdurre l’obbligo d’indicazione geografica tipica delle eccellenze del nostro Paese: calzaturiero, tessile, ceramiche, legno, arredi e gioielli. Vogliamo il Made in Italy! Perché un’etichetta è in grado di rimettere ordine nel complicato mondo della globalizzazione. Il made in Italy è una garanzia sul mondo in cui un prodotto è costruito▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Direttiva Copyright. #SalviamoInternet dalla censura europea

L’ultima direttiva in materia di diritto d’autore nel mercato unico digitale risale al 2001, quando ancora nessuno poteva immaginare la grande rivoluzione che avrebbe portato Internet e l’arrivo dei social network. Ora il Parlamento Europeo ha deciso di aggiornare la propria posizione con una nuova direttiva che, di fatto, rischia di mettere a repentaglio la▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Una Regione a 5 stelle, le dichiarazioni post Porcia 2018 degli eletti FVG

Conclusosi Una Regione a 5 Stelle – l’evento che ha visto protagonista, a Porcia, la squadra dei rappresentanti del MoVimento eletti in Friuli Venezia Giulia – giungono i primi commenti dei relatori presenti all’incontro con i cittadini. Il focus sul contest regionale giunge dai portavoce Mauro Capozzella e Cristian Sergo. “In Regione il nostro ruolo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare