pubblicato il

Droni per un’agricoltura di precisione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di visitare Drone-Zone, una giovane azienda di Pasiano di Pordenone (FVG) che realizza droni destinati a diversi scopi. Tra questi ritroviamo l’agricoltura di precisione. Di cosa si tratta? Di una tecnica decisamente all’avanguardia per il settore, sulla quale molti Paesi del mondo stanno già investendo in maniera cospicua.
È un modo di fare agricoltura senza dubbio sostenibile, perché offre la possibilità di agire direttamente sul problema, così da limitare al massimo gli sprechi ed evitare di diffondere, dove non serve, le sostanze che vengono nebulizzate. Utilizzare un drone in ambito agricolo permette di visionare in tempo reale le condizioni della coltura, sia per quanto riguarda lo stato di crescita, che per l’individuazione di eventuali patologie della pianta. A seconda delle informazioni riportate dal drone, poi, si è in grado di ottimizzare azioni mirate, senza sprechi e perdite di tempo.
Avendo avuto anche l’opportunità di pilotare direttamente uno di questi droni, ho notato l’incredibile precisione con cui si muovono e riescono ad adattarsi alle diverse situazioni in cui sono chiamati ad agire. Inoltre, se avvertono una situazione potenzialmente pericolosa, ad esempio nel tempo atmosferico, sono in grado di mettere in sicurezza persone, animali o strutture tornando autonomamente alla casa base.
Quando a questi droni si potrà sostituire lo strumento per la nebulizzazione della sostanza con altri attrezzi adatti a un lavoro di precisione, come pinzette o forbici, si arriverà davvero a fare un salto epocale. Ma per arrivare a tali livelli è necessario investire, come già molti altri Paesi del mondo stanno facendo. L’Italia ha tutte le caratteristiche per poter diventare leader europea del settore. Fondamentale sarà, quindi, far capire l’importanza degli investimenti nell’agricoltura di precisione, perché il resto del mondo sta andando avanti e noi non possiamo permetterci di rimanere indietro.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Agricoltura, il ricambio generazionale che non c’è e il rischio per l’Italia

Agricoltura e giovani: due mondi separati da un insormontabile muro di difficoltà. Un binomio che in Europa ancora non sfonda, nonostante il problema sia sotto la lente della politica agricola comune da più di trent’anni. Nel 2013, in Italia, più del 60% degli agricoltori aveva oltre 55 anni, mentre solo il 5% ne aveva meno▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Giovani e agricoltura: ne ho parlato ad Ansa Europa

In Italia le imprese agricole gestite da under 35 sono aumentate. Si tratta oggi di aziende più competitive, più grandi e più sensibili a pratiche vicine e rispettose dell’ambiente. Inoltre, noi godiamo del vantaggio di vivere in un territorio come l’Italia che, in termini di varietà e qualità di materia prima dei prodotti, offre un’ampia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato: la Corte UE tutela il diritto di informazione dei cittadini

Molte volte mi sono occupato nell’ambito dell’agricoltura della questione glifosato. Ricordo come già nel 2015 l’Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro rese pubblica la dannosità del glifosato, in quanto un pesticida tossico e probabilmente cancerogeno. Questa sostanza rappresenta uno degli erbicidi più usati nell’Unione europea e numerosi studi dimostrano la sua presenza nelle piante,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura 4.0 in Italia: +270% nel 2018 rispetto all’anno precedente

Arrivano notizie interessanti dal settore dell’Agricoltura 4.0 italiana, che nel 2018 ha raggiunto un valore nel mercato tra i 370 e i 430 milioni di euro. Queste cifre corrispondono al 5% del valore del mercato globale, che tocca un traguardo di 7 miliardi di dollari, e al 18% di quello europeo. Sono notizie che ci▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare