pubblicato il

Ecco perché non possiamo sostenere gli OGM in agricoltura


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si dice che gli OGM siano un vantaggio per la nostra agricoltura. Anzi, diciamo che c’è qualcuno che vuole convincerci di questo.

I sostenitori degli Ogm sostengono che una pianta transgenica si adatta meglio ai cambiamenti climatici, all’innalzamento delle temperature, alla riduzione della disponibilità di acqua e ai processi di desertificazione. Per questi motivi gli Ogm sarebbero una risorsa utile per l’agroalimentare e migliorare le rese produttive.

Sappiamo però che alcuni agricoltori americani hanno dichiarato di essersi pentiti di aver coltivato OGM, perché hanno ottenuto danni economici e nessun miglioramento produttivo. L’introduzione di colture OGM non solo non aumentano le rese produttive ma è un rischio economico per le agricolture di qualità che, come quella italiana, si basano sulle varietà e le tipicità locali.

E non dimentichiamo che gli OGM non si trovano in natura, ma sono dei brevetti di proprietà di alcune multinazionali come Monsanto, Basf, Bayer, Syngenta, Pioneer. Questo significa che Le multinazionali detentrici dei brevetti sui semi transgenici hanno il diritto di rivalersi su qualsiasi agricoltore che coltivi piante che, anche accidentalmente, sono contaminate da materiale transgenico. In Argentina e Brasile la soia Ogm ha rimpiazzato le produzioni locali (patate, mais, grano e miglio) con gravi perdite per la biodiversità locale. In India, a causa del crollo del prezzo del cotone Ogm, dove ci sono stati decine di migliaia di suicidi tra i piccoli agricoltori incapaci di far fronte ai debiti.

Sicuri che l’Ogm sia un bene per l’agricoltura italiana? Io non credo proprio.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Sikkim, lo stato indiano esempio di un’agricoltura senza pesticidi

Esiste in India un piccolo Stato che giace tra le alte montagne dell’Himalaya, il Sikkim, un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo. Come mai? È semplice! Il Sikkim, da 15 anni a questa parte ha dato una svolta grandiosa alla sua agricoltura. Grazie al suo primo ministro Pawan Kumar Chamling, infatti, nel 2003▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il lavoro senza dignità non deve esistere

Purtroppo nell’ambito agricolo siamo costretti ad affrontare il fenomeno del Caporalato, che si basa sulla gestione criminale del mercato del lavoro a danno soprattutto dei lavoratori. La gran parte di questi sono extracomunitari, che hanno estremo bisogno di lavorare e che quindi vengono reclutati e sfruttati da individui che molto spesso sono collegati o fanno▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO. Come funzionano? La procedura è molto simile a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare