pubblicato il

#FakeNews: cosa sta facendo l’Europa?


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
 
Di fatto, la tematica delle fake news (notizie false) in #Europa è particolarmente controversa.
 
In #Germania lo scorso ottobre è entrata in vigore la legge che impone ai social network la rimozione di fake news, post di incitamento all’odio e materiale illegale entro certi limiti di tempo, anche 24 ore, pena multe fino a 5 milioni di euro per i social media che non intervengono tempestivamente. Ma questo sistema funziona davvero? Non potrebbe essere un rischio per la libertà di espressione? Non potrebbe accadere che i social media preferiscano bloccare un account Facebook o Twitter piuttosto di incorrere in salatissime multe? Domanda che mi sorge spontanea dato che a seguito di questa legge è stato bloccato l’account Twitter di una nota rivista satirica tedesca, a conferma che questo sistema non può funzionare.

 
Fa pensare ancor di più la proposta legislativa annunciata da #Macron proprio in questi giorni: il Presidente francese ha dichiarato di voler introdurre una nuova legge per ostacolare la diffusione in internet delle notizie false durante i periodi di campagna elettorale, dando più poteri al Consiglio superiore dell’audiovisivo (CSA), l’autorità francese (dunque di Stato) che si occupa di garantire la libertà di comunicazione per tv e radio. A mio parere questa proposta di legge radicale è molto azzardata e pericolosa, rischia di trasformarsi in una #censura di Stato. Un governo non può decidere cosa è lecito dire o cosa non lo è per i propri avversari politici durante una campagna elettorale.

Si rischia davvero di mettere in discussione il nostro sistema democratico.
 
Ma allora come risolvere la problematica delle fake news? Sicuramente è importante un approccio europeo, perché ci siano delle linee comuni in tutti gli Stati membri. A mio avviso dobbiamo lavorare culturalmente per creare una educazione ai social media, mettere gli organi ordinari di controllo nelle condizioni di poter lavorare celermente e al meglio. Dobbiamo mettere fine una volta per tutte ai finanziamenti pubblici all’informazione sostenendo realmente la cultura.
 
Ricordiamoci che il problema delle fake news non è nuovo, esiste da sempre nella carta stampata e nei media tradizionali legati ai fondi pubblici.
 
L’informazione, il #M5S da sempre lo ribadisce, deve essere indipendente.
 
#Informazione

Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il consiglio dei ministri ha approvato il decreto dignità

In Italia il cambiamento sta procedendo a gonfie vele. Il Ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha annunciato che il Consiglio dei Ministri ha approvato un nuovo decreto legge fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle. Stiamo parlando del cosiddetto “Decreto dignità”. Contratti a termine, licenziamenti ingiustificati, delocalizzazioni, e pubblicità del gioco d’azzardo sono i temi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A New York per la tutela dei diritti delle donne e la parità di genere

Oggi mi trovo a New York, presso le Nazioni Unite, in occasione della Conferenza sullo “Status delle Donne” nel mondo per l’emancipazione e #parità di genere. Quanti di voi si ricordano il nostro successo targato M5S, partito da Pordenone, sulla condanna dell’Unione Europea ai Paesi islamici che praticano la lapidazione? Siamo qui per dire basta alla violenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare