pubblicato il

Fatto inaudito nelle mense di Trieste: la salute dei bambini e i diritti dei lavoratori prima di tutto


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Quello che è accaduto nelle mense scolastiche di Trieste è davvero inaudito: come è possibile che nei piatti dei bambini si ritrovino muffa e pezzi di spugna?

Anche se la Dussmann Service srl -ditta appaltatrice del servizio mense negli asili nido e nelle scuole di infanzia e primarie del Comune di Trieste- ha prontamente risposto che non c’è “nessun rischio per la salute dei piccoli utenti” e che “l’azienda ha già provveduto ad effettuare la segnalazione al fornitore e a sensibilizzare il personale di struttura affinché mantenga un’elevata attenzione” il caso è comunque preoccupante e non deve cadere nel dimenticatoio nel giro di pochi giorni.

Come ben esposto dal consigliere comunale M5S Alessandro Imbriani, la giunta Dipiazza continua a gestire in maniera pessima il contratto di appalto con la Dussmann che non tutela la dignità professionale delle lavoratrici a causa dei continui tagli dei salari e della riduzione dell’orario di lavoro, cosa che impedisce loro di svolgere in modo adeguato tutte le mansioni necessarie. Le lavoratrici spesso rinunciano alla pausa – non retribuita – per non creare disagi. Nonostrante la provata incapacità della Dussmann, l’ assessore Brandi vuole dare più soldi alla Dussmann per effettuare alcuni “servizi aggiuntivi” al sabato e già previsti nel capitolato e che dovevano essere assicurati durante la settimana.

Da sempre in Parlamento europeo mi batto affinché nelle mense scolastiche si punti su un’alimentazione sana e rispettosa dell’ambiente. Sono infatti il parlamentare italiano referente del progetto per l’inserimento di frutta e verdura nei menù delle scuole elementari. In Europa sono stati stanziati infatti quasi 22 milioni d’euro per le scuole elementari italiane che sono entrate nel progetto di inserimento di frutta e verdura. L’alimentazione dei bambini è un aspetto fondamentale e progetti come questo sono fondamentali in quanto mirano alla corretta alimentazione e alla salute dei nostri bambini.

Bambini in mensa scolastica


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Cittadini dentro le istituzioni: l’incontro con il gruppo dal FVG al Parlamento europeo

Ogni anno il Parlamento europeo offre la possibilità ai propri cittadini, tramite il portavoce, di organizzare una visita guidata a Bruxelles per vedere “dal vivo” la struttura e conoscerne i meccanismi, troppo spesso ignorati. Credo molto in questa iniziativa, perché avvicina la gente alle istituzioni offrendo spazi di incontro, di ascolto e di informazione. È▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’inizio del cambiamento

“Se lo puoi sognare, lo puoi fare” ci ha ricordato Beppe Grillo. Ora il nostro sogno è diventato realtà. Venerdì 1° giugno Giuseppe Conte si è presentato al Quirinale per la cerimonia del giuramento davanti al Presidente della Repubblica Mattarella. Nella sua squadra di governo gialloverde sono coinvolti, tra gli altri, il nostro capofila del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A New York per la tutela dei diritti delle donne e la parità di genere

Oggi mi trovo a New York, presso le Nazioni Unite, in occasione della Conferenza sullo “Status delle Donne” nel mondo per l’emancipazione e #parità di genere. Quanti di voi si ricordano il nostro successo targato M5S, partito da Pordenone, sulla condanna dell’Unione Europea ai Paesi islamici che praticano la lapidazione? Siamo qui per dire basta alla violenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare