pubblicato il

Ferriera di Trieste, gli interessi economici prevalgono sul diritto alla salute


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Con il prossimo rilascio da parte della Regione dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) al reparto siderurgico della ferriera di Servola a Trieste, le restrizioni imposte sulle emissioni non garantiscono affatto la tutela della salute dei residenti del quartiere, alle prese da anni con l’ingombrante presenza dello stabilimento oggi di proprietà della Siderurgica Triestina.

ferriera servola trieste Marco Zullo M5S Europa

Fumi, odori, ma soprattutto il preoccupante deposito di polveri costituiscono gli effetti direttamente percepibili dalle famiglie triestine che risiedono nel rione di Servola, dove negli anni si sono moltiplicati i casi di patologie oncologiche sulle cui cause più di qualcuno preferisce sorvolare. Chi dovrebbe garantire la salute dei cittadini, ovvero il sindaco Cosolini e la presidente della Regione Serracchiani, oggi preferisce alzare le mani e scegliere la via dello status quo, assicurando che l’impegno del Comune è stato teso a ottenere il massimo degli strumenti per verificare l’operato dell’azienda.

Il tutto, a poche settimane da nuovi sforamenti, che lasciano poco tranquilli gli abitanti e chi con la ferriera ha a che fare quotidianamente. Sono stati fatti rilievi e misurazioni che hanno dimostrato l’origine siderurgica delle polveri di ricaduta, ma i timidi provvedimenti delle istituzioni non hanno minimamente risolto il problema. E così con i rumori, segnalati oltre la tollerabilità, con i vigili impossibilitati a intervenire perché l’Aia c’era, come segnalato correttamente anche dal comitato No Smog, L’unica soluzione praticabile è la delocalizzazione dell’impianto.



Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per le imprese

Da anni mi sto impegnando perché, attraverso la ricerca, le imprese possano raggiungere un alto livello di competitività e innovazione. La chiave per ottenere questi risultati è puntare verso lo sviluppo di tecnologie sempre più pulite e rispettose dell’ambiente, accessibili e applicabili a qualunque tipo di impresa. In questo modo, non solo si potrà perseguire▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per l’agricoltura

Sempre a stretto contatto con le realtà rurali, per dialogare con chi vive le problematiche quotidiane del lavoro agricolo e portare queste voci davanti alla Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. Questo è uno degli aspetti fondamentali della mia attività politica, perché sono fortemente convinto sia necessario promuovere un’agricoltura sostenibile, che agisca nel rispetto degli agricoltori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma della PAC: per un’agricoltura più sostenibile e meno burocratica.

Realizzare una nuova politica agricola comune più sostenibile ed equa, con meno burocrazia: questo è l’obiettivo comune. Ormai da molti mesi lavoriamo per costruire una nuova politica agricola basata sul progresso, in termini di innovazione, sostenibilità, supporto. Per questo motivo, movimenti come quello di #cambiareagricoltura sono voci da ascoltare, perché partono da un principio inviolabile:▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Dopo anni di battaglie in Parlamento il Reddito di Cittadinanza diventa realtà anche in Italia. Una rivoluzione felice: da ora lo Stato non ti chiede, ma ti dà. Una grande vittoria, non solo per il Movimento 5 Stelle, ma per tutto il popolo italiano, soprattutto per le 5 milioni di persone che momentaneamente si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare