pubblicato il

Fondi europei: un’opportunità da cogliere, soprattutto per i giovani agricoltori.


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’Italia è seconda nella classifica sull’utilizzo dei fondi europei messi a disposizione da Bruxelles per gli Stati membri (nel settennato 2014-2020 può contare su oltre 73 miliardi di euro) ma, fino all’arrivo del governo del cambiamento, non è stata in grado di cogliere questa opportunità. Ce lo dice la relazione della Commissione Ue sull’uso dei cinque fondi strutturali europei: Fondo agricolo per lo sviluppo rurale, per la coesione, per lo sviluppo regionale, per la pesca e fondo sociale. Per consultare la relazione strategica 2017 relativa all’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei clicca qui:  https://ec.europa.eu/transparency/regdoc/rep/1/2017/IT/COM-2017-755-F1-IT-MAIN-PART-1.PDF

Le cose stanno ora evolvendo grazie all’attenzione che il Movimento 5 Stelle sta rivolgendo alla tematica. Vogliamo invertire la rotta e cogliere ogni opportunità messa a disposizione per migliorare il benessere del nostro Paese, anche utilizzando questi finanziamenti che ci spettano di diritto: i fondi europei sono un’occasione da non perdere, che permetterebbe di realizzare progetti imprenditoriali virtuosi con un’importante ricaduta sul territorio sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista sociale.
In particolare mi preme evidenziare le numerose opportunità per i giovani agricoltori, perché l’Europa emette disposizioni che favoriscono l’ingresso nel mondo agricolo degli under 40, con la possibilità di ricevere finanziamenti a fondo perduto. Si tratta di fondi indiretti, ai quali è possibile accedere rivolgendosi agli enti istituzionali locali che li gestiscono. L’argomento è complesso, per beneficiare delle risorse economiche messe a disposizione dall’Europa è necessario avere dei canali di informazione aggiornati e delle competenze specifiche che spesso le piccole realtà imprenditoriali italiane non possono permettersi di avere. Per questo noi del Movimento 5 Stelle ci impegniamo a diffondere informazioni sul processo di adesione, sensibilizzando aziende, professionisti e imprenditori sulle modalità necessarie per poter fruire dei fondi europei, anche attraverso percorsi formativi come quelli che ho organizzato a Pordenone, col supporto del gruppo parlamentare EFDD.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Dal 23 settembre siti e app mobile diventeranno accessibili alle persone disabili

Domenica 5 agosto ho avuto la possibilità di assistere ai Mondiali di Paraciclismo a Maniago. Questa cittadina della pedemontana pordenonese è un virtuoso esempio di accessibilità, perché fornita di molti comfort per essere fruibile dalle persone disabili. Ma l’accessibilità non riguarda solo le infrastrutture fisiche, bensì anche tutti i servizi nel campo della tecnologia e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Le interviste

In occasione dell’evento che ho organizzato al Parlamento europeo di Bruxelles per sottolineare l’importanza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per le imprese, ho avuto l’opportunità di confrontarmi e avere uno scambio di idee con alcuni dei protagonisti della giornata: Marco Antonio Attisani, Fondatore della Startup innovativa italia Watly; Erico Giovannini, Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

TAV: bisogna investire in opere realmente vantaggiose

Ha stancato questa narrazione che ci vede sempre contro tutto. Tra le colpe che ci vengono imputate c’è anche quella di opporci a prescindere alla realizzazione della TAV, nel caso specifico la tratta che collega la città di Torino a Lione. Il Movimento 5 Stelle ritiene, infatti, che l’alta velocità come tecnologia e infrastruttura sia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare