pubblicato il

Fondi europei: un’opportunità da cogliere, soprattutto per i giovani agricoltori.


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’Italia è seconda nella classifica sull’utilizzo dei fondi europei messi a disposizione da Bruxelles per gli Stati membri (nel settennato 2014-2020 può contare su oltre 73 miliardi di euro) ma, fino all’arrivo del governo del cambiamento, non è stata in grado di cogliere questa opportunità. Ce lo dice la relazione della Commissione Ue sull’uso dei cinque fondi strutturali europei: Fondo agricolo per lo sviluppo rurale, per la coesione, per lo sviluppo regionale, per la pesca e fondo sociale. Per consultare la relazione strategica 2017 relativa all’attuazione dei fondi strutturali e di investimento europei clicca qui:  https://ec.europa.eu/transparency/regdoc/rep/1/2017/IT/COM-2017-755-F1-IT-MAIN-PART-1.PDF

Le cose stanno ora evolvendo grazie all’attenzione che il Movimento 5 Stelle sta rivolgendo alla tematica. Vogliamo invertire la rotta e cogliere ogni opportunità messa a disposizione per migliorare il benessere del nostro Paese, anche utilizzando questi finanziamenti che ci spettano di diritto: i fondi europei sono un’occasione da non perdere, che permetterebbe di realizzare progetti imprenditoriali virtuosi con un’importante ricaduta sul territorio sia dal punto di vista economico, sia dal punto di vista sociale.
In particolare mi preme evidenziare le numerose opportunità per i giovani agricoltori, perché l’Europa emette disposizioni che favoriscono l’ingresso nel mondo agricolo degli under 40, con la possibilità di ricevere finanziamenti a fondo perduto. Si tratta di fondi indiretti, ai quali è possibile accedere rivolgendosi agli enti istituzionali locali che li gestiscono. L’argomento è complesso, per beneficiare delle risorse economiche messe a disposizione dall’Europa è necessario avere dei canali di informazione aggiornati e delle competenze specifiche che spesso le piccole realtà imprenditoriali italiane non possono permettersi di avere. Per questo noi del Movimento 5 Stelle ci impegniamo a diffondere informazioni sul processo di adesione, sensibilizzando aziende, professionisti e imprenditori sulle modalità necessarie per poter fruire dei fondi europei, anche attraverso percorsi formativi come quelli che ho organizzato a Pordenone, col supporto del gruppo parlamentare EFDD.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il mio intervento all’audizione del direttore EFSA

In settimana nell’ambito della Commissione AGRI abbiamo avuto modo di ascoltare il direttore dell’EFSA, l’agenzia alla quale l’Unione Europea si affida per ricevere consulenza scientifica. In tal modo è possibile per noi membri del Parlamento avere delle basi tecniche su cui legiferare in merito a tutti gli argomenti che richiedono delle conoscenze scientifiche. Questo ente▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Data Economy, l’economia dei dati digitali

Per il M5S è fondamentale la protezione delle informazioni che circolano in rete, ma soprattutto la fiducia che i consumatori ripongono nelle piattaforme online di ogni genere, da quelle di e-commerce, ai servizi di cloud computing. Questa famosa nuvola digitale rappresenta un vero e proprio silos di informazioni e può essere la base di partenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Monsanto: sempre più le prove che confermano la relazione del pesticida con il cancro

Sempre di più sono le cause legali che vengono messe in piedi contro la Monsanto, la multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e che da qualche mese è stata acquisita dalla Bayer. La storia che negli ultimi giorni ha ottenuto maggior risalto mediatico è stata quella di DeWayne Johnson, un ex giardiniere che per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare