pubblicato il

Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare
La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi alla politica agricola: con la scusa della Brexit si taglia ovunque. Questo approccio è assolutamente sbagliato. Ci vogliono risparmi mirati, non tagli indiscriminati, e soprattutto meno burocrazia.
La comunicazione della Commissione, di fatto, prefigura tre scenari possibili per il futuro della politica di coesione: – il mantenimento del livello attuale di finanziamento, pari a circa 370 miliardi per 2014-2020 anche nel prossimo quadro finanziario pluriennale; – l’eliminazione dei finanziamenti delle regioni più avanzate e di quelle in fase di transizione, con una riduzione della spesa di 95 miliardi. In questo caso solo le regioni del sud Italia sarebbero ancora eleggibili, mentre centro e nord Italia sarebbero escluse; – il mantenimento dei finanziamenti solo ai cosiddetti Paesi meno sviluppati (gli Stati dell’Est, Portogallo e Grecia), con riduzione della spesa di 124 miliardi.
Entrambi gli ultimi scenari sono assolutamente inaccettabili. Sono invece fermamente convinto che non dobbiamo puntare sui tagli, bensì sui risparmi andando a modificare tutti quei meccanismi che rendono inefficiente l’utilizzo dei fondi. Questo lo si ottiene con una seria  programmazione a tutti i livelli: innanzitutto eliminando sia i ritardi della Commissione che quelli della programmazione a livello nazionale. Questi ritardi fanno sì che i Paesi, per raggiungere l’obiettivo, spendano a più non posso e senza programmazione i fondi negli ultimi anni del programma.
Altro punto fondamentale è introdurre nella progettazione gli attori della società civile -gli stakeholder – coloro che, essendo impegnati in queste realtà, possono aiutare a spendere in modo corretto i fondi puntando su progetti concreti legati all’economia reale. Rendendo dunque efficace questo sistema, ci renderemo conto che non si dovrà nemmeno più parlare di tagli.

Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

In Cina per dare una voce autorevole all’Europa

Come membro della Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori, la scorsa settimana insieme a una delegazione di europarlamentari sono volato in Cina, prima a Shanghai e successivamente a Guangzhou. Lo scopo del viaggio è stato quello di incontrare le autorità locali e visitare alcune importanti realtà cinesi. Ci siamo confrontati a lungo sul tema▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Non solo la Manovra del Popolo…

Grandissimo rilievo mediatico sta avendo in questi giorni la Manovra del Popolo con il relativo aggiornamento al Documento di Economia e Finanza. Ma non è la sola cosa che il nostro Governo sta portando avanti in questo periodo, perché diverse sono le proposte del programma di Governo ora al vaglio del Parlamento. – Taglio del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

PFAS: l’Europa perde l’occasione di salvaguardare la salute dei suoi cittadini

L’Europa ha perso una grande occasione di garantire la salute e la sicurezza dei suoi cittadini. Martedì, infatti, nella seduta Plenaria radunata nella sede di Strasburgo è passato l’aggiornamento alla direttiva del 1998 sull’acqua potabile. Una parte rilevante di questa direttiva nasce da un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), che ha visto raccolte quasi due milioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare