pubblicato il

Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare
La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi alla politica agricola: con la scusa della Brexit si taglia ovunque. Questo approccio è assolutamente sbagliato. Ci vogliono risparmi mirati, non tagli indiscriminati, e soprattutto meno burocrazia.
La comunicazione della Commissione, di fatto, prefigura tre scenari possibili per il futuro della politica di coesione: – il mantenimento del livello attuale di finanziamento, pari a circa 370 miliardi per 2014-2020 anche nel prossimo quadro finanziario pluriennale; – l’eliminazione dei finanziamenti delle regioni più avanzate e di quelle in fase di transizione, con una riduzione della spesa di 95 miliardi. In questo caso solo le regioni del sud Italia sarebbero ancora eleggibili, mentre centro e nord Italia sarebbero escluse; – il mantenimento dei finanziamenti solo ai cosiddetti Paesi meno sviluppati (gli Stati dell’Est, Portogallo e Grecia), con riduzione della spesa di 124 miliardi.
Entrambi gli ultimi scenari sono assolutamente inaccettabili. Sono invece fermamente convinto che non dobbiamo puntare sui tagli, bensì sui risparmi andando a modificare tutti quei meccanismi che rendono inefficiente l’utilizzo dei fondi. Questo lo si ottiene con una seria  programmazione a tutti i livelli: innanzitutto eliminando sia i ritardi della Commissione che quelli della programmazione a livello nazionale. Questi ritardi fanno sì che i Paesi, per raggiungere l’obiettivo, spendano a più non posso e senza programmazione i fondi negli ultimi anni del programma.
Altro punto fondamentale è introdurre nella progettazione gli attori della società civile -gli stakeholder – coloro che, essendo impegnati in queste realtà, possono aiutare a spendere in modo corretto i fondi puntando su progetti concreti legati all’economia reale. Rendendo dunque efficace questo sistema, ci renderemo conto che non si dovrà nemmeno più parlare di tagli.

Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Fucina: il futuro in tavola!

Vi aspetto tutti venerdì prossimo alle ore 18.30 presso il Teatro Gustavo Modena a Palmanova, Udine. Perché ho voluto fortemente organizzare quest’evento? Perché non si può più attendere, perché il futuro è già qui ed e vivo e presente più che mai. È importante conoscere e ragionare su ciò che accadrà, sulle visioni che provengono▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Direttiva Copyright. #SalviamoInternet dalla censura europea

L’ultima direttiva in materia di diritto d’autore nel mercato unico digitale risale al 2001, quando ancora nessuno poteva immaginare la grande rivoluzione che avrebbe portato Internet e l’arrivo dei social network. Ora il Parlamento Europeo ha deciso di aggiornare la propria posizione con una nuova direttiva che, di fatto, rischia di mettere a repentaglio la▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A Udine il comizio finale del M5S per le Regionali 2018

A Udine il comizio finale del #M5S per le Regionali 2018! Domani, venerdì 27 aprile, vi aspettiamo per la chiusura della campagna elettorale per le Regionali 2018 all’Hotel Cristallo di Udine! Insieme ad Alessandro Fraleoni Morgera, il nostro candidato alla presidenza della Regione Fvg, ci saranno i parlamentari M5S Stefano Patuanelli, Alvise Maniero ed Emilio Carelli. Insieme▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare