pubblicato il

Francia al voto: i partiti tradizionali arrancano


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non credo sia dovuto al caso il risultato della prima tornata elettorale francese. Quest’espressione popolare, peraltro dalla partecipazione molto elevata, innanzitutto evidenzia una crisi profonda dei partiti tradizionali.

Elezioni_Francia_3

Per la prima volta nella storia della Quinta Repubblica in Francia, nessuno dei due candidati dei grandi partiti di centrosinistra, ovvero i socialisti, e dall’altra parte i Républicains, va al secondo turno, al ballottaggio.

Indipendentemente da chi vincerà il prossimo 7 maggio comunque alcune considerazioni si possono chiaramente fare già adesso.

La prima è che evidentemente i partiti tradizionalisti, quelli che hanno appoggiato le politiche di austerity europee, peraltro senza ottenere alcun risultato positivo apprezzabile, tutt’altro, pagano giustamente il prezzo delle loro scelte sbagliate.

In secondo luogo poi, se qualcuno dovesse chiedersi se il M5S si confronterà con il partito vincitore, la risposta è sì chiunque esso sia, purché il confronto sia utile a condurre l’Europa ai suoi veri valori smarriti chissà dove, cioè a quelli di “comunità”, a cui evidentemente i partiti che l’hanno governata e gestita sino ad oggi non hanno pensato di ispirarsi. E adesso ne devono dar conto ai loro cittadini.

Francamente non mi interessa che al ballottaggio vinca l’uno o l’altra, perché so che comunque il M5S non ha alcuna affinità elettiva con questi partiti. In questi anni non abbiamo visto la Le Pen tagliarsi un euro di stipendio qui in Parlamento europeo, non abbiamo visto rappresentanti della società civile eletti tra le sue fila, sono comunque i “soliti noti”, la loro cultura non ci appartiene.

Lasciamo volentieri Renzi e a Salvini cimentarsi nello sport nazionale dell’appoggio politico all’una o all’altro candidato, noi tiriamo dritto per la nostra strada, quella segnata dai cittadini.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Terraè – Officina della sostenibilità

Anche quest’anno torna a Pordenone “Terraè – officina della sostenibilità“, dal 27 aprile al 31 maggio.  Nata ormai otto anni fa dall’idea comune di un gruppo di cittadini che volevano rendere Pordenone punto di riferimento del lavorare-per-il-cittadino-e-l-ambiente, Terraè oramai è una realtà consolidata e di qualità, che ha deciso di parlare di sostenibilità a largo raggio al proprio territorio▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rifiuti tossici a Pernumia (PD): pretendiamo risposte dalla giunta Zaia

Il M5S pretende da Bottacin, Assessore all’Ambente del Veneto, risposte immediate sulla tempistica del risanamento ambientale nell’area della discarica di Pernumia (Pd). Siamo davvero preoccupati perché la salute dei cittadini è a rischio: le analisi hanno infatti dimostrato la tossicità dei rifiuti per la presenza di idrocarburi e di metalli pesanti in quantità eccedenti i limiti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura: il Brasile investe e l’Europa taglia

Sono tornato pochi giorni fa dal Brasile dove durante un incontro istituzionale il Ministro della Agricoltura ha più volte ribadito che i brasiliani sono e vogliono essere i primi nel mondo, e per questo investono molto anche in innovazione e infrastrutture.  Noi in effetti ce ne accorgiamo anche dalla competitività dei loro prodotti. In Europa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fatto inaudito nelle mense di Trieste: la salute dei bambini e i diritti dei lavoratori prima di tutto

Quello che è accaduto nelle mense scolastiche di Trieste è davvero inaudito: come è possibile che nei piatti dei bambini si ritrovino muffa e pezzi di spugna? Anche se la Dussmann Service srl -ditta appaltatrice del servizio mense negli asili nido e nelle scuole di infanzia e primarie del Comune di Trieste- ha prontamente risposto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare