pubblicato il

Giù le armi dai lupi


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Una forte presa di posizione quella del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa sulla questione dei lupi. Il Ministro ha fatto sentire la sua voce per fermare la richiesta della regione Veneto, che proponeva di allontanare i lupi dalle zone abitate dell’altopiano di Asiago utilizzando proiettili di gomma, ma sparati solo da figure qualificate come la vigilanza regionale, le guardie forestali e la Polizia provinciale, e soltanto verso gli animali troppo vicini alle zone abitate o agli allevamenti di bestiame. Ma l’abbattimento e l’allontanamento dei lupi non servirebbe a nulla, visto che c’è la possibilità di attuare soluzioni più sostenibili per permettere una buona convivenza con l’uomo, l’allevamento e l’agricoltura. Ne ho parlato anche qui: bit.ly/Salviamo_i_lupi.
Anche l’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione Animali, si è fortemente opposto a tale pratica. L’idea, infatti, è quella che i proiettili di gomma non solo non siano riconosciuti dalla scienza come metodo efficace per ottenere l’allontanamento degli animali, ma siano anche molto pericolosi sia per gli stessi animali che per le persone. Inoltre, l’ENPA vede in tutto ciò il pretesto per passare dai proiettili in gomma a quelli in piombo.

salviamo i lupi

Il Veneto, però, non è l’unica regione che si è fatta sentire in merito all’allontanamento dei lupi. Anche le provincie di Trento e Bolzano si sono attivate autonomamente per approvare l’abbattimento dell’animale. Un atto anticostituzionale, visto che la fauna rientra nel patrimonio nazionale, ricorda il Ministro Costa. A lui sono state consegnate anche 443 mila firme di cittadini che combattono e si oppongono a un trattamento degli animali così barbaro.
Sarà necessario provvedere con soluzioni scientifiche e ragionevoli se si vuole davvero far fronte a queste problematiche, non di certo usando armi e proiettili.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obsolescenza programmata e spreco

Abbiamo chiesto al Commissario designato per il Mercato interno, la Difesa e lo Spazio, Sylvie Goulard azioni concrete per rendere effettiva l’economia circolare. “Per raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 e per guidare la transizione verso un’economia circolare, l’Europa deve agire sulla durabilità dei prodotti. I nostri▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop al traffico di animali esotici

Visitare il centro di recupero di animali esotici di Damiano Baradel è come entrare in un luogo sospeso, un’oasi dove ogni tipo di animale viene accolto, curato, coccolato e rimesso in libertà (laddove possibile). Il centro è l’unico in regione Friuli Venezia Giulia, è riconosciuto come “centro fauna esotica” e sviluppa progetti in sinergia anche▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare