pubblicato il

Glifosato e Monsanto: sempre più le prove che confermano la relazione del pesticida con il cancro


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Sempre di più sono le cause legali che vengono messe in piedi contro la Monsanto, la multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e che da qualche mese è stata acquisita dalla Bayer.
La storia che negli ultimi giorni ha ottenuto maggior risalto mediatico è stata quella di DeWayne Johnson, un ex giardiniere che per lavoro ha fatto uso per molti anni dell’erbicida RoundUp, prodotto dalla Monsanto. Oggi Johnson è un malato oncologico con linfoma non-Hodgkin, un tumore maligno del sistema linfatico, che ha avuto il coraggio di portare in tribunale la multinazionale, accusandola di aver nascosto i rischi del glifosato sulla salute.
Ora il giudice ha decretato, prendendo in analisi questo caso e gli altri che si sono attivati denunciando la Monsanto, che ci sono prove sufficienti per la giuria per dire che il glifosato provoca il cancro. Per arrivare a tale affermazione sono stati mobilitati degli esperti, incaricati di ricercare la relazione tra glifosato e linfoma non-Hodgkin, l’unico tipo di cancro che ad oggi è direttamente legato a questa sostanza chimica.
Ovviamente la Monsanto continua a negare qualsiasi legame tra glifosato e tumori, sostenendo che la propria posizione sia supportata da oltre 800 studi scientifici. Ma dopo lo scandalo dei “Monsanto Papers”, sappiamo bene come l’azienda sia stata coinvolta in situazioni che minano fortemente la sua credibilità. Infatti, proprio in tale occasione la multinazionale ha dato una grossa prova di slealtà. Ha coinvolto diversi scienziati autorevoli facendo firmare loro dei testi, dove si smentiva la pericolosità del glifosato nei confronti della salute dell’uomo. Peccato che i testi fossero usciti proprio dalla penna della stessa Monsanto e firmati da scienziati di fatto “prestanome”, senza essere stati supportati da controstudi che ne confermassero la veridicità.

Inoltre, ricordate il caso dell’EFSA? Rileggete qui l’articolo: https://bit.ly/EFSA_glifosato.
Ancora una volta, troviamo dimostrazione di come quest’azienda multinazionale giochi sporco nei confronti dei consumatori, distorcendo la scienza a proprio favore e a scapito poi di tutti coloro che ci hanno rimesso e ci rimetteranno la salute.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obsolescenza programmata e spreco

Abbiamo chiesto al Commissario designato per il Mercato interno, la Difesa e lo Spazio, Sylvie Goulard azioni concrete per rendere effettiva l’economia circolare. “Per raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 e per guidare la transizione verso un’economia circolare, l’Europa deve agire sulla durabilità dei prodotti. I nostri▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Venti(5) di libertà

Per i millennials è la resilienza, un termine preso a prestito dal mondo dell’ingegneria, delle fabbriche, del popolo che non demorde e non si ferma ai primi problemi; e nemmeno ai secondi e terzi. Per chi ha scritto pagine più analogiche invece, la si è chiamata resistenza, ed ha portato molto di più di una▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare