pubblicato il

Glifosato: il voto per il rinnovo da parte della Germania è l’esito di una faida tra partiti


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Voci inquietanti si stanno rincorrendo nei corridoi di Bruxelles: voci di sgambetti, colpi alle spalle, regolamenti di conti all’interno della Grande coalizione tedesca, che si ripercuotono sulla scena europea.

Sapevamo già che l’inaspettato voto della Germania (che si era sempre astenuta) a favore del rinnovo del #glifosato è stato quello determinante. Quello che non sapevamo è come si è arrivati a questo improvviso voltafaccia.

Secondo quanto riportato da Politico, infatti, la ministra dell’ambiente (socialista) aveva ricevuto rassicurazioni da parte del collega per l’Agricoltura (un conservatore della Merkel), che la Germania avrebbe continuato ad astenersi. Ma proprio quest’ultimo avrebbe invece dato ordine ai rappresentanti tedeschi a Bruxelles di appoggiare la proposta di rinnovo della Commissione, superando con un colpo di mano l’opposizione degli alleati di governo e per non mettere i bastoni fra le ruote alla Monsanto (che, guarda caso, si sta fondendo con il colosso tedesco Bayer…).

Insomma, una lotta senza esclusione di colpi tra CDU e SPD, in un momento in cui la Merkel ha bisogno di dimostrare di essere ancora la leader, combattuta sulla pelle di milioni di cittadini europei.

Non è questa l’Europa che vogliamo! Vogliamo un’Europa che ascolta la voce dei suoi cittadini, non ostaggio delle faide della politica tedesca!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO. Come funzionano? La procedura è molto simile a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#Dieselgate: la morte viaggia su strada

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia. I dati, abbastanza impietosi, provengono da due▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare