pubblicato il

Golfo del Messico, icona dei nostri tempi


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Succede in Messico in un’area estesa del Golfo che copre oltre 23 mila chilometri quadrati.

Qui la vita marina pare non esistere quasi più. I pesci non trovano un elemento essenziale che è l’ossigeno e quindi muoiono. Il tutto a giudizio del Noaa (The National Oceanic and Atmospheric Administration), ovvero l’ente americano che monitora l’evoluzione del tempo e del clima, avviene a causa di un concatenamento di eventi naturali che possiamo considerare i killer, ma i cui mandanti, ancora una volta sono gli uomini. Infatti dal monitoraggio che il Noaa sta facendo sulla zona da oltre 32 anni, emerge chiaramente che la causa di ciò è che la sovrabbondanza di piogge nella zona del Messico ha provocato un enorme deflusso dell’acqua dei fiumi nel mare. Indovinate cosa c’è nell’acqua dei fiumi americani che scaricano in quella zona?

Enormi quantità ti azoto e fosforo, che guarda caso sono utilizzati come concimi dall’industria agricola americana. Questo ha portato a generare uno squilibrio nella flora e fauna marina con la proliferazione di alghe giganti che consumano buona parte dell’ossigeno e che quindi hanno man mano ucciso gli altri essere viventi.
Ma di che tipo di coltivazioni si tratta e in quali quantità per creare un danno di dimensioni così vaste? Pare si tratti di mais e soia che servono all’industria della carne americana quali alimenti per gli animali da macello come ad esempio la Tyson Foods. Quindi i nitrati e il fosforo che in quantità enormi si riversano nel Golfo del Messico hanno anche i potenziali “mandanti”.

E’ veramente difficile immaginare un mondo miglior e diverso dall’attuale, fino a quando le logiche e le normative produttive non contempleranno delle responsabilità sociali a carico di chi realizza e immette sul mercato i prodotti, qualsiasi essi siano. Per fare un esempio, credo che il produttore di telefonia debba farsi carico della rottamazione del telefono, e lo stesso vale per qualsiasi altro bene di consumo, una volta che sarà veramente inservibile, così come della fine che farà il suo packaging. Non è più sostenibile che chi sta a monte nella filiera produttiva non risponda dei danni che poi ci troviamo a valle, che derivano in buona parte al produrre in un certo modo per soddisfare esclusivamente le proprie esigenze.

Abbiamo bisogno di un’altra visione, e non c’è più molto tempo.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Festa del BIO a Verona

In questo weekend ricco di impegni, mi sono ritagliato un po’ di tempo per partecipare alla Festa del Bio, un evento itinerante che coinvolge le maggiori piazze italiane per promuovere il biologico nel settore dell’agroalimentare. Sabato la manifestazione si è tenuta nella suggestiva Piazza dei Signori a Verona, dove sono stati allestiti diversi stand che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura in Brasile: ecco le mie considerazioni

Ecco le mie considerazioni su ciò che ho visto nel Mato Grosso, enorme regione del Brasile, la terza regione per estensione del Brasile, dove l’economia è in forte sviluppo. E l’agricoltura per questa regione è un settore trainante per il quale il governo locale ha importanti obiettivi.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare