pubblicato il

Ho visitato FICO Eataly World e purtroppo non ho trovato nulla di Fico


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Recentemente sono andato a dare un’occhiata a FICO Eataly World a Bologna e ho raccolto una serie di immagini e video che voglio condividere con voi al fine di informare quanta più gente possibile su quale sia la realtà di questa tanto reclamizzata “Fabbrica Italiana Contadina”.

A mio parere è un centro commerciale in piena regola, contornato da un’atmosfera insapore, confezionato per dare l’idea di un’Italia che non c’è.

Nel corso di questa visita non sono riuscito a intercettare la cultura e la tradizione contadina italiana di cui Farinetti parla. Se il giardinetto esterno vuole dare l’idea delle coltivazioni biologiche siamo al ridicolo, mentre purtroppo tanto ridicolo non è vedere gli animali rinchiusi tra tetre recinzioni metalliche, come se fosse uno zoo.
Cosa c’è di didattico e rappresentativo dell’Italia in tutto questo?

E poi negozi di abbigliamento ed elettrodomestici d’oltreoceano, agenzie di viaggi, stand agricoli stranieri e tanto altro che poco ha a che fare.

Guardate questo video e le foto e ditemi se tutto ciò sia davvero così Fico.

Eccola qui la tanto reclamata qualità: FICO, quella che dovrebbe essere la Disneyland mondiale del cibo di qualità e bio, si trova a poco più di un chilometro di distanza da un inceneritore. E questo sarebbe un esempio di qualità e sostenibilità?

In tangenziale, direzione Bologna, trovo questo segnale stradale. Il segnale indica l’uscita per FICO. Ma è possibile che un’azienda privata sia inserita in un cartello segnaletico autostradale?

Agenzie di viaggi, vendita di elettrodomestici, cosmetici, operatori televisivi. Ma non doveva essere la Disneyland del cibo italiano di qualità?

Animali ingabbiati per attirare l’attenzione dei turisti. E questo sarebbe FICO? Davvero uno spettacolo triste.

Tutto questo per me non è per niente FICO. 


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Mercoledì 13 giugno, un giorno importante per l’Unione Europea che ha festeggiato il primo anno dalla firma della “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, o più semplicemente detta “Convenzione di Istanbul”. Questo documento costituisce il primo vero strumento internazionale che considera▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare