pubblicato il

Il mio intervento a La Bussola: ecco di cosa abbiamo parlato


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Questa settimana sono stato ospite del programma TV “La Bussola” andato in onda su Rai News 24. Vi racconto di cosa abbiamo parlato.

Il primo argomento che ho affrontato riguardava l’identità europea. Sono convinto che in Europa dovremmo ritrovare un’unità politica per far sì che si ricrei un identità europea, che ad oggi manca. Tutto ciò si trasferisce, ad esempio, su questioni come quella dell’immigrazione. L’immigrazione è un concetto che viene sempre di più ideologizzato e che si presta a strumentalizzazioni.
Da quando siamo presenti al Parlamento europeo, ci siamo sempre fatti portavoce per chiedere che questo tema venga affrontato in un’ottica di collegialità e collaborazione, per fare in modo che tutti i Paesi si facciano carico della risoluzione e ciascuno faccia la propria parte.
È fondamentale che gli sbarchi avvengano in Europa, non in Italia, e che quindi ogni Stato membro si prenda la sua parte di responsabilità per mettere in salvo vite umane.
Inoltre, una visione politica unitaria farebbe dell’Unione Europea un interlocutore forte e autorevole rispetto agli altri attori presenti nello scenario mondiale.

 

 

L’altro importante argomento toccato è la Manovra economica del nostro Governo.
Oggi vogliono farci credere che non ci sarà una ripresa economica.
Noi abbiamo messo in atto delle azioni coraggiose, che rimetteranno in circolo liquidità sul territorio italiano. Crediamo che, insieme agli aiuti alle imprese e allo snellimento della burocrazia, si possa generare una ripresa dell’economia e non ci sarà bisogno di manovre correttive. Si vuole mettere mano ai conti prima ancora di vedere i risultati.
Siamo al Governo da 7 mesi, ci stiamo adoperando per un cambiamento concreto e ci assumiamo la responsabilità della discontinuità rispetto alle politiche di austerità precedenti.
Tutto ciò riporterà alla crescita economica senza ulteriori manovre e senza rimettere mano nelle tasche degli italiani.

 


Ti Potrebbe interessare anche: