pubblicato il

In Italia la biodiversità sta scomparendo: dobbiamo difederla!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri abbiamo celebrato la Giornata Mondiale della Biodiversità, proclamata dalle Nazioni Unite 17 anni fa.

biodi

Ritengo che questa ricorrenza non sia stata istituita solo per una questione meramente celebrativa, ma perché già nel 2000 vi fosse il sentore di un pericolo latente che oggi purtroppo è realtà, ovvero che alcune forme di vita vegetali e animali si stanno estinguendo rapidamente.

La biodiversità è alla base dell’esistenza stessa: l’equilibrio invidiabile di cui è propria la natura.

Quest’equilibrio però si è spezzato e dagli anni ‘70 ad oggi la biodiversità ha perso più del 40%: in Italia, ad esempio, negli ultimi cento anni sono scomparse dalle nostre tavole tre varietà di frutta su quattro.

Vi rendete conto? Ciò equivale al 75% del totale che di fatto è sparito, non c’è più. Sono questi alcuni dei numeri con cui ci si ritrova a fare i conti oggi, nella Giornata Mondiale della Biodiversità.

Festeggiamo la biodiversità ma questa è pesantemente a rischio, tra perdita di habitat, cambiamenti nel clima, mutazioni genetiche. Inutile che vi dica che è proprio l’intervento dell’uomo ad essere il principale artefice di questo disastro.

Se vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno, possiamo rallegrarci del fatto che la nostra Italia detiene un vero e proprio primato europeo con 55.600 specie animali pari al 30% di quelle europee e 7.636 specie vegetali che sono state salvate dall’estinzione.

Ma le responsabilità comunque rimangono a carico di quelle scelte di natura politica che vanno verso l’omologazione e la standardizzazione delle produzioni a livello internazionale, mettendo in pericolo anche le coltivazioni autoctone che si tramandano di generazione in generazione.

Ci rendiamo conto che ridurre la biodiversità oltre a squilibrare l’ambiente significa anche ridurre allo stesso modo anche l’identità culturale del nostro paese che da tempo immemore è legato ai valori dell’agricoltura, della qualità e dell’unicità?

Senza soffermarmi ulteriormente sui valori statistici che annualmente vengono pubblicati su questo tema credo di poter affermare che sostenibilità e biodiversità siano due facce della stessa medaglia. La biodiversità è essenziale per la sopravvivenza del pianeta e l’invadenza dell’uomo è una delle minacce al mantenimento di questo equilibrio. La tutela della biodiversità e la sicurezza alimentare devono essere priorità assolute. E proprio noi, che lavoriamo nelle Istituzioni dobbiamo supportare e incentivare gli agricoltori che si fanno carico della tutela della biodiversità.

È necessaria quindi un’inversione di marcia, mirata alla sua salvaguardia e al recupero di una relazione più diretta e profonda tra uomo e natura.

Già nel 1924 Rudolf Steiner si pose il problema e fondò quella che possiamo definire come l’agroecologia, in pratica l’agricoltura biodinamica, impostata appunto sull’osservazione e sul rispetto della natura. Secondo le leggi e le modalità di coltivazione della biodinamica la biodiversità è fondamentale e la natura si cura la natura.

Potrei scrivere ancora molto su questo tema, mi riprometto che lo approfondirò, ora mi limito a chiudere questa riflessione con una richiesta che rivolgo a voi tutti: difendiamo insieme la biodiversità, supportiamo un’agricoltura sostenibile, boicottiamo chi la vuole distruggere!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il mio intervento all’audizione del direttore EFSA

In settimana nell’ambito della Commissione AGRI abbiamo avuto modo di ascoltare il direttore dell’EFSA, l’agenzia alla quale l’Unione Europea si affida per ricevere consulenza scientifica. In tal modo è possibile per noi membri del Parlamento avere delle basi tecniche su cui legiferare in merito a tutti gli argomenti che richiedono delle conoscenze scientifiche. Questo ente▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

GDPR, cosa cambia da oggi per la tutela dei dati personali

Oggi, 25 maggio 2018, entra in vigore il Regolamento sulla protezione dei Dati, noto anche come GDPR (General Data Protection Regulation), relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento e alla libera circolazione dei dati personali. È fondamentale essere ben chiari, quando parliamo di tutela di dati, a cosa ci riferiamo e, qualora▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare