pubblicato il

La Giornata mondiale degli oceani malati


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Lo scorso 8 giugno è passata quasi inosservata questa ricorrenza: la “Giornata mondiale degli oceani”, istituita dall’Onu nel ’92.

E’ evidente che quando si istituisce la “giornata del” normalmente lo si faccia per tenere alta l’attenzione su un tema particolarmente importante e che va monitorato, discusso, considerato.

Credo che l’acqua di questo pianeta non sia un tema da sottovalutare, visto che è la nostra fonte di vita, soprattutto quando abbiamo la consapevolezza o quantomeno il sospetto che non tutto vada per il meglio.

Infatti, pur sapendo che dall’acqua degli oceani dipendono il clima, l’ossigenazione, le biodiversità marine, giusto per citare i fenomeni più eclatanti, comunque gli oceani gradatamente stanno diventando l’immondezzaio del pianeta.

Per chi non conoscesse il Pacific Trash Vortex, questo non è altro che un’enorme continente galleggiante, interamente formato da plastica. Le stime delle sue dimensioni (variabili vista la composizione) vanno da 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km² praticamente un’area più grande degli USA. Ribaltare una situazione del genere è un’impresa epica ma non si può non farlo, è vitale. Inquinare il mare significa tra le altre cose uccidere i coralli, e il 30% circa della biodiversità marina è presente proprio dove ci sono i coralli.

Il tema è molto complesso e non lo posso certo sviscerare tutto in poche righe, ma quel che mi preme trasferirvi è la necessità di essere consapevoli di quanto avviene in torno a noi. L’oceano non è così lontano come sembra, e gli effetti sulla sua vitalità influiscono nella nostra quotidianità, anche se qui ci sembra di essere lontani.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il mio intervento a La Bussola: ecco di cosa abbiamo parlato

Questa settimana sono stato ospite del programma TV “La Bussola” andato in onda su Rai News 24. Vi racconto di cosa abbiamo parlato. Il primo argomento che ho affrontato riguardava l’identità europea. Sono convinto che in Europa dovremmo ritrovare un’unità politica per far sì che si ricrei un identità europea, che ad oggi manca. Tutto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’uomo è ciò che mangia, ma in ambito alimentare manca la corretta informazione

Domenica a Milano ho avuto modo di esporre le mie idee in merito all’alimentazione, sostenuto dall’esperienza del Dr. Antonino Frustaglia, medico cardiologo direttore emerito dell’istituto geriatrico Redaelli. L’alimentazione è un anello fondamentale nella salvaguardia della salute e dal mio punto di vista le priorità su cui lavorare sono qualità, varietà e spreco. È importante variare▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Proteggiamo la terra che ci ospita: Global Strike for Future

Oggi in moltissime piazze del mondo, milioni di ragazzi e non solo, si riuniranno per chiedere risposte e provvedimenti concreti contro i cambiamenti climatici. Sarà una manifestazione senza bandiere o colori politici, ma uniti per il nostro Pianeta, patrimonio che appartiene a tutti. Anche noi del Movimento 5 Stelle Europa abbiamo manifestato in settimana davanti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

La mia intervista a TelePordenone

In settimana sono stato ospite al programma L’Arena in onda su TelePordenone. Nel corso della trasmissione abbiamo affrontato diversi argomenti: dagli obiettivi della nostra politica di mettere la persona sempre al centro, all’importanza di partecipare attraverso il voto alle elezioni europee, perchè il Parlamento è l’unico organo europeo eletto direttamente dai cittadini; dal superamento delle▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare