pubblicato il

La Giornata mondiale degli oceani malati


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Lo scorso 8 giugno è passata quasi inosservata questa ricorrenza: la “Giornata mondiale degli oceani”, istituita dall’Onu nel ’92.

E’ evidente che quando si istituisce la “giornata del” normalmente lo si faccia per tenere alta l’attenzione su un tema particolarmente importante e che va monitorato, discusso, considerato.

Credo che l’acqua di questo pianeta non sia un tema da sottovalutare, visto che è la nostra fonte di vita, soprattutto quando abbiamo la consapevolezza o quantomeno il sospetto che non tutto vada per il meglio.

Infatti, pur sapendo che dall’acqua degli oceani dipendono il clima, l’ossigenazione, le biodiversità marine, giusto per citare i fenomeni più eclatanti, comunque gli oceani gradatamente stanno diventando l’immondezzaio del pianeta.

Per chi non conoscesse il Pacific Trash Vortex, questo non è altro che un’enorme continente galleggiante, interamente formato da plastica. Le stime delle sue dimensioni (variabili vista la composizione) vanno da 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km² praticamente un’area più grande degli USA. Ribaltare una situazione del genere è un’impresa epica ma non si può non farlo, è vitale. Inquinare il mare significa tra le altre cose uccidere i coralli, e il 30% circa della biodiversità marina è presente proprio dove ci sono i coralli.

Il tema è molto complesso e non lo posso certo sviscerare tutto in poche righe, ma quel che mi preme trasferirvi è la necessità di essere consapevoli di quanto avviene in torno a noi. L’oceano non è così lontano come sembra, e gli effetti sulla sua vitalità influiscono nella nostra quotidianità, anche se qui ci sembra di essere lontani.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Italia a 5 Stelle: una grande famiglia riunita!

La tutela del Made in Italy significa proteggere la nostra economia, la qualità dei prodotti e soprattutto la salute dei cittadini. Aspetti che in questa Europa vengono messi continuamente a rischio, ma che il Movimento 5 Stelle ha sempre difeso con forza e costanza. È arrivato il momento di fare sul serio e di progettare▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Continua la nostra lotta all’uso dei pesticidi

Il rientro dalla pausa estiva ci ha riservato una piccola grande vittoria, quella ottenuta in Commissione Agricoltura mercoledì 29 agosto. Ci siamo riuniti in aula per votare i progetti da far rientrare all’interno del budget dell’Unione Europea per l’anno 2019. È passata, infatti, la proposta di progetto pilota che noi del Movimento 5 Stelle abbiamo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

PFAS: l’Europa perde l’occasione di salvaguardare la salute dei suoi cittadini

L’Europa ha perso una grande occasione di garantire la salute e la sicurezza dei suoi cittadini. Martedì, infatti, nella seduta Plenaria radunata nella sede di Strasburgo è passato l’aggiornamento alla direttiva del 1998 sull’acqua potabile. Una parte rilevante di questa direttiva nasce da un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), che ha visto raccolte quasi due milioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare