pubblicato il

La PAC è un’occasione che non possiamo più perdere


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Se da un lato posso ritenere positivo che la PAC abbia tra i suoi obiettivi prioritari quello dell’occupazione, più volte ho sottolineato che occorre una visione strategica che non si riduca alla mera individuazione di obiettivi quantitativi, ma che metta al centro la qualità dei prodotti e consideri in modo dettagliato e ragionato come ci si arrivi.

Se la popolazione che lavora in ambito agricolo in Europa, gli oltre 44 milioni di addetti, invecchia, è sicuramente necessario creare degli strumenti che rendano attrattivo questo settore.

Sono convinto che siamo sulla strada giusta quando leggo nella proposta di riforma della Commissione europea che il primo macro-obiettivo sarà promuovere occupazione, crescita e investimenti, che si cercherà di rafforzare la tutela dell’ambiente, l’economia circolare e la bioeconomia, e che ci si impegna a trovare applicazione concreta per le politiche di ricerca e innovazione, cosicché i risultati ottenuti non siano solo enunciazioni puramente accademiche.

Allo stesso modo mi pare corretto spingere per una stretta connessione tra agricoltori, le aree rurali e l’economia digitale.

Peraltro c’è da dire che esistono delle aree di forte miglioramento in questo Report d’Iniziativa, posizione che ho già espresso più volte, ovvero che occorrono regole comunitarie sui controlli al fine di evitare casi di concorrenza sleale tra Stati membri. Poi vi è la cosiddetta convergenza dei pagamenti in base alla quale rischieremmo un livellamento dei pagamenti agli agricoltori con caratteristiche analoghe di diversi paesi, non considerando i diversi livelli di reddito. Ciò avvantaggerebbe tutta la zona dell’Est Europa a discapito degli altri.

Resta grande assente la politica alimentare, per la quale si spendono poche righe. Si dichiara come obiettivo la lotta all’obesità attraverso un’alimentazione sana, ma la soluzione proposta riguarda solo i regimi di distribuzione e non un indirizzo della produzione.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tuteliamo i vini del Collio e i prodotti tipici friulani

La tutela dei prodotti tipici locali e delle eccellenze del territorio è una priorità nel programma M5S agricoltura: per questo, in continuità con il lavoro svolto in commissione sia nel Parlamento italiano che in quello europeo, il M5S si propone di difendere la sovranità alimentare e il Made in Italy. Non solo, ma il M5S▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Aumentiamo i controlli sulle merci contraffatte

Ancora troppo spesso le pagine di cronaca dei giornali riportano notizie sui sequestri di merci contraffatte. Come è successo nei giorni scorsi al valico goriziano di Sant’Andrea, sul confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia. I militari delle Fiamme Gialle hanno fermato un furgone proveniente dall’est europeo e, a seguito dei normali controlli, sono stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Dieselgate: i cittadini europei devono avere uguali diritti

Due anni dopo lo scandalo Diselgate, l’Europa è riuscita a darsi regole migliori per prevenire le frodi sui veicoli. Lo fa grazie all’impegno che il MoVimento 5 Stelle (gruppo EFDD) ha messo per fare in modo che pratiche aberranti come quelle praticate dalla tedesca Volkswagen non si ripetano mai più. Dal primo settembre 2020 le procedure▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare