pubblicato il

La Sagra dei Osei tortura gli uccelli


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Leggo sul Gazzettino di una presunta circolare del Ministero dell’Ambiente in cui la Sagra dei Osei sarebbe stata definita come “una tortura per gli uccelli”.

sagra

Cito testualmente ciò che viene riportato nell’articolo: “La Sagra dei Osei non è una festa della natura, bensì un evento in cui si pratica la tortura degli uccelli, costretti in gabbie minuscole e al buio per farli cantare, e si promuove anche poenta e osei, il piatto tipico offerto agli ospiti durante gli eventi.”

Io sinceramente mi auguro fortemente che anche al Ministero dell’Ambiente abbiamo finalmente capito che eventi del genere non posso essere chiamati “culturali” o “ feste della natura”.

E’ un momento di festa? Per chi? Di sicuro non per centinaia di uccelli costretti a spendere la loro vita in gabbia!

Ci sono numerose ragioni per cui queste sagre non sono più sostenibili: innanzitutto per i contenuti fortemente diseducativi. Cosa insegniamo ai nostri figli? La reclusione e la privazione della libertà sotto forma di tradizione? Inoltre le condizioni di esposizione (e di vita) degli animali sono incompatibili con le loro caratteristiche naturali.

La “Sagra dei Osei” di Sacile non è una festa. Non si festeggia nulla: non è altro che l’esaltazione della gabbia e della violenza dell’uomo sugli animali e sull’ambiente.

A chi giustifica l’evento in quanto “festa della natura” ricordo che in natura non esistono gabbie.

#Bastagabbie, animali liberi


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Sikkim, lo stato indiano esempio di un’agricoltura senza pesticidi

Esiste in India un piccolo Stato che giace tra le alte montagne dell’Himalaya, il Sikkim, un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo. Come mai? È semplice! Il Sikkim, da 15 anni a questa parte ha dato una svolta grandiosa alla sua agricoltura. Grazie al suo primo ministro Pawan Kumar Chamling, infatti, nel 2003▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A Maniago per i Mondiali di paraciclismo

Dal 2 al 5 agosto la città di Maniago, situata nella pedemontana pordenonese in Friuli Venezia Giulia, ha ospitato le gare dei Mondiali di paraciclismo. Le strade della cittadina hanno visto sfrecciare diversi campioni, che correvano nelle tre tipologie di gara: corsa a cronometro, corsa su strada e staffetta a squadre. L’evento si è chiuso▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare