pubblicato il

Le eccellenze del Made in Italy come il fumo?


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Olio, Parmigiano, ma anche i nostri vini e la pizza stanno correndo un serio pericolo. In questi giorni l’ONU, tramite la sua agenzia speciale per la sanità (OMS) ha reso noto che intende promuovere una tassazione per tutti i prodotti che vengono classificati come poco sani, perchè contenenti sale, grassi e zucchero. Le eccellenze del Made in Italy verrebbero tassate con lo stesso principio delle sigarette. Ma com’è possibile che i nostri prodotti alimentari, invidiati dal mondo intero, ricevano lo stesso trattamento delle sigarette? Potrebbero, infatti, essere marchiate anche con bollini che ne segnalano la “pericolosità”.

made in italy

Tale approccio sarebbe corretto se venisse applicato per contrastare il cibo spazzatura, ma non è accettabile nei confronti dei prodotti di qualità. Invece, anche rispetto alle etichette semaforo di cui ho già parlato qui http://bit.ly/etichette_semaforo, il bollino verde verrebbe concesso a bibite gassate composte in laboratorio e quello rosso a un olio DOP italiano, perché non c’è un ragionamento consapevole sulle quantità di prodotto consumato.
Tutto ciò potrebbe accadere perché l’ONU intende ridurre di un terzo entro il 2030, l’incidenza di malattie non trasmissibili come il cancro, il diabete e le patologie cardiovascolari. Spingendo per l’introduzione di una tassa su tali prodotti, l’obiettivo è esattamente quello di scoraggiarne il consumo. Eppure la dieta mediterranea è riconosciuta dalla stessa OMS come la più salutare e variegata.
Se dovesse entrare in vigore tutto ciò, il danno avverrebbe su due fronti: quello dei consumatori e quello dell’export.
Come riporta Il Sole 24 ore, una tassa del 20% su tali beni porterebbe all’aumento nella spesa di una famiglia italiana di ben 546 euro all’anno. Inoltre calerebbe a picco la portata dell’export del Made in Italy, che nel 2017 ha toccato i 41 miliardi.
Il fatto assurdo è che viene permesso il consumo di bevande gassate e altri cibi spazzatura, che sono realmente causa di gravi malattie e obesità, mentre ora invece si sceglie di disincentivare il consumo dei nostri prodotti di qualità garantita.
Il 27 settembre si discuterà la proposta nelle sedi dell’ONU, ma il Governo italiano ha già promesso battaglia.
Se vogliamo davvero trovare una soluzione alimentare alle malattie non trasmissibili, la strada da percorrere è quella dell’educazione. Bisogna attivarsi per far capire alle persone l’importanza di una dieta variegata, consapevole ed equilibrata, e non tassare i prodotti per diminuirne il consumo. Inoltre sarebbe bene concentrarsi e investire sul contrasto ai veri cibi spazzatura, ovvero tutti quegli “alimenti”, se così si possono chiamare, che hanno uno scarso valore nutrizionale, ma un altissimo contenuto di zuccheri o grassi.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#Dieselgate: la morte viaggia su strada

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia. I dati, abbastanza impietosi, provengono da due▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tuteliamo i vini del Collio e i prodotti tipici friulani

La tutela dei prodotti tipici locali e delle eccellenze del territorio è una priorità nel programma M5S agricoltura: per questo, in continuità con il lavoro svolto in commissione sia nel Parlamento italiano che in quello europeo, il M5S si propone di difendere la sovranità alimentare e il Made in Italy. Non solo, ma il M5S▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare