pubblicato il

L’inizio del cambiamento


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

nasce governo del cambiamento

“Se lo puoi sognare, lo puoi fare” ci ha ricordato Beppe Grillo. Ora il nostro sogno è diventato realtà. Venerdì 1° giugno Giuseppe Conte si è presentato al Quirinale per la cerimonia del giuramento davanti al Presidente della Repubblica Mattarella. Nella sua squadra di governo gialloverde sono coinvolti, tra gli altri, il nostro capofila del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio e il leader della Lega Matteo Salvini. Di Maio ha ricevuto l’incarico di guidare il Ministero del Lavoro e Salvini guiderà il Ministero dell’Interno, mentre entrambi si dividono il compito della Vicepresidenza del Consiglio.

Questo è stato solo il primo passo. Infatti, martedì e mercoledì si è votata la fiducia al Senato e alla Camera dei Deputati. A palazzo Madama Conte ha pronunciato il suo primo discorso davanti ai membri del Parlamento. Il tema guida è stato quello del cambiamento. Il cambiamento tra vecchie e nuove categorie politiche, il cambiamento nel metodo e quello nei contenuti.

Per quanto riguarda il metodo, il nostro proposito è quello di ascoltare i bisogni dei cittadini, creare o potenziare tutto ciò che funziona e infine controllare se gli obiettivi posti a monte siano stati raggiunti. In merito ai contenuti, invece, il premier Conte ha spaziato tra tutti i diversi punti trattati nel programma approvato nell’accordo tra M5S e Lega.

Su agricoltura e ambiente ha ribadito le posizioni che il Movimento porta avanti anche a livello europeo, evidenziando in particolare la scelta di un’economia circolare e l’utilizzo dell’innovazione tecnologica in quest’ambito per il rilancio delle piccole imprese.

Un diritto fondamentale di ogni cittadino è stato definito internet, che in un mondo sempre più digitalizzato e connesso deve assicurare un elevato livello di protezione dei dati.

A questo punto ci tengo ad augurare un buon lavoro al Presidente Conte e a tutto il team dei Ministri, perché sia davvero l’inizio di un bel cambiamento per il nostro Paese.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa dice STOP alle plastiche monouso dal 2021

Il Parlamento europeo ha finalmente approvato in via definitiva una nuova direttiva che mette al bando dal 2021 oggetti di plastica monouso quali piatti, posate, cannucce e bastoncini per palloncini. In particolare, si vieta la commercializzazione di quei prodotti di plastica monouso che possono essere sostituiti da alternative sostenibili. La direttiva, inoltre, impone agli Stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Qualità, formazione e tutela della nostra agricoltura: ne ho parlato ad AgriFood Today

Recentemente sono stato intervistato da AgriFood Today, per parlare della nostra agricoltura italiana, ripercorrendo alcuni pilastri fondamentali per un settore agricolo sano e produttivo. Siamo partiti da un focus sulla qualità: da una produzione di qualità, infatti e attraverso l’impegno per un consumo consapevole, io credo che porteremo in Europa un grande settore agroalimentare, che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

12 Aprile IOP, 13 Aprile Alimentare

Riflettendo sulla conclusione del mandato ho sentito il bisogno di interrogarmi sul percorso: su ciò che ho visto, vissuto, imparato. E soprattutto, su cosa potevo aver costruito concretamente. Mi sono sorpreso a riflettere su quanto tempo fosse stato necessario per comprendere i molteplici aspetti delle commissioni, il ruolo delle lobby, la capacità di saper scegliere▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Approvato l’atto europeo sull’accessibilità

L’Atto europeo sull’accessibilità, approvato durante la settimana in Commissione Mercato Interno e Protezione Consumatori, è fondamentale per far sì che nessun cittadino rimanga indietro. La domanda di prodotti e servizi accessibili da parte dei cittadini con disabilità e limitazioni funzionali, come quelle legate alla vecchiaia e alla gravidanza, riguarda 80 milioni di europei. Un numero▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare