pubblicato il

L’Italia non è più sola: facciamo il punto sul tema migranti


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Un tema sempre molto caldo, che ha accompagnato fin dall’inizio in nostro Governo del Cambiamento, è quello dei migranti. Partivamo da una situazione in cui l’Italia era costretta a subire passivamente e a gestire in autonomia tutti gli sbarchi e i richiedenti asilo che si avvicinavano alle proprie coste. Ma con il Governo Conte l’Italia ha potuto rialzare la testa, ora il nostro paese non è più solo. Ci siamo presentati al vertice europeo del 28 e 29 giugno con diverse proposte che fossero in grado di superare il regolamento di Dublino. Quest’ultimo è il trattato europeo che regola attualmente le procedure d’asilo e che impone al primo Stato in cui un migrante arriva, di gestirsi ogni richiesta di protezione internazionale. Quindi non è difficile arrivare alla conclusione: il primo Paese EU in cui sbarcano i richiedenti asilo è soprattutto l’Italia.

unione europea movimento 5 stelle

Sulla base delle richieste presentate dal Governo nella proposta denominata “European Multilevel Strategy for Migration”, si è trovato un accordo tra i 28 Paesi membri, che di fatto ha permesso di superare il regolamento di Dublino. Infatti, sono ben sei i Paesi che si sono offerti volontari per accogliere i migranti sbarcati sulle coste italiane: Spagna, Portogallo, Germania, Francia, Malta e anche l’Irlanda.  Per la prima volta gli sbarchi si può dire che siano avvenuti davvero in Europa. Ora, nel progetto di Giuseppe Conte, l’idea di base è quella di lavorare in un’ottica europea multilivello, che si fondi su condivisione e responsabilità reciproca, per continuare a salvare vite umane.
Non tutti i Paesi si dimostrano, però, disponibili all’accoglienza. Repubblica Ceca e Ungheria hanno subito chiarito che non accetteranno la ripartizione dei migranti. Posizione che ha spinto il Presidente della Camera Roberto Fico a richiedere delle sezioni punitive nei confronti di questi Stati che si dimostrano incapaci di operare insieme per la solidarietà in Europa.
Infine, sarà importante capire il ruolo di alcune ONG, visto che nel Mediterraneo ne operano alcune, battenti bandiere non verificate, che prendono accordi con gli scafisti per trasportare migranti. Perché c’è differenza tra portare in salvo le persone e trattare con gli scafisti per trasportarle in Italia.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Approvato l’atto europeo sull’accessibilità

L’Atto europeo sull’accessibilità, approvato durante la settimana in Commissione Mercato Interno e Protezione Consumatori, è fondamentale per far sì che nessun cittadino rimanga indietro. La domanda di prodotti e servizi accessibili da parte dei cittadini con disabilità e limitazioni funzionali, come quelle legate alla vecchiaia e alla gravidanza, riguarda 80 milioni di europei. Un numero▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Una vittoria per la democrazia

I grandi partiti europei come il PPE (quindi Forza Italia), l’S&D (quindi il PD) e l’ALDE hanno provato ad attaccare la democrazia con una modifica del regolamento sui gruppi politici al Parlamento europeo. Si sarebbero voluti attribuire il diritto di sciogliere i gruppi politici a propria discrezione ma grazie all’intervento della nostra delegazione del Movimento▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Al via le Europarlamentarie del M5s

Sono ufficialmente partite le europarlamentarie! Venerdì 29 marzo gli iscritti potranno valutare e scegliere gli aspiranti Portavoce che correranno per il prossimo Parlamento europeo. Tra i candidati del Friuli Venezia Giulia ci sono anche io: ho scelto di rimettermi a disposizione di tutti voi che mi avete sostenuto e ancora oggi mi siete vicino, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare