pubblicato il

L’Italia non è più sola: facciamo il punto sul tema migranti


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Un tema sempre molto caldo, che ha accompagnato fin dall’inizio in nostro Governo del Cambiamento, è quello dei migranti. Partivamo da una situazione in cui l’Italia era costretta a subire passivamente e a gestire in autonomia tutti gli sbarchi e i richiedenti asilo che si avvicinavano alle proprie coste. Ma con il Governo Conte l’Italia ha potuto rialzare la testa, ora il nostro paese non è più solo. Ci siamo presentati al vertice europeo del 28 e 29 giugno con diverse proposte che fossero in grado di superare il regolamento di Dublino. Quest’ultimo è il trattato europeo che regola attualmente le procedure d’asilo e che impone al primo Stato in cui un migrante arriva, di gestirsi ogni richiesta di protezione internazionale. Quindi non è difficile arrivare alla conclusione: il primo Paese EU in cui sbarcano i richiedenti asilo è soprattutto l’Italia.

unione europea movimento 5 stelle

Sulla base delle richieste presentate dal Governo nella proposta denominata “European Multilevel Strategy for Migration”, si è trovato un accordo tra i 28 Paesi membri, che di fatto ha permesso di superare il regolamento di Dublino. Infatti, sono ben sei i Paesi che si sono offerti volontari per accogliere i migranti sbarcati sulle coste italiane: Spagna, Portogallo, Germania, Francia, Malta e anche l’Irlanda.  Per la prima volta gli sbarchi si può dire che siano avvenuti davvero in Europa. Ora, nel progetto di Giuseppe Conte, l’idea di base è quella di lavorare in un’ottica europea multilivello, che si fondi su condivisione e responsabilità reciproca, per continuare a salvare vite umane.
Non tutti i Paesi si dimostrano, però, disponibili all’accoglienza. Repubblica Ceca e Ungheria hanno subito chiarito che non accetteranno la ripartizione dei migranti. Posizione che ha spinto il Presidente della Camera Roberto Fico a richiedere delle sezioni punitive nei confronti di questi Stati che si dimostrano incapaci di operare insieme per la solidarietà in Europa.
Infine, sarà importante capire il ruolo di alcune ONG, visto che nel Mediterraneo ne operano alcune, battenti bandiere non verificate, che prendono accordi con gli scafisti per trasportare migranti. Perché c’è differenza tra portare in salvo le persone e trattare con gli scafisti per trasportarle in Italia.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

TRASPARENZA 1 – LE IDEE CON LE PERSONE

Per questo secondo mandato abbiamo pensato di impostare la comunicazione in modo da essere fedeli a una serie di principi fondanti del MoVimento 5 stelle. Spesso dietro a figure politiche si avvicendano diversi professionisti che scrivono per loro. Questo fa sì che il cittadino finisca per infatuarsi di quella che lui non sa essere una▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tutto il mondo in una scatola

E poi arriva il momento in cui il Parlamento Europeo ti chiede di chiudere tutto il mondo in una scatola, ché i dossier ed i faldoni saranno pure di sua proprietà, ma le battaglie portate a termine negli ultimi anni e le cose che abbiamo imparato ce le portiamo dentro per sempre, appresso con noi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare