pubblicato il

Lo strapotere della GDO vs piccoli produttori: un sistema da combattere


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Grande distribuzione organizzata e piccoli produttori sono le due facce della stessa medaglia. Nella globalizzazione la GDO gioca il ruolo da protagonista producendo in enormi quantità, spesso senza considerare la domanda, sfruttando e sprecando le risorse della terra. La tendenza è quella della massimizzazione dei profitti, perciò il problema riguarda l’imposizione di prezzi alti ai consumatori (rispetto ai costi di acquisto iniziale) e l’attribuzione di una percentuale misera ai piccoli produttori.

Il sistema dei pochi grandi produttori confina sempre più lo spazio ai piccoli, alle produzioni locali e soprattutto alla qualità, ma nell’ultimo periodo abbiamo assistito a qualche caso di ribellione, un “sessantotto dei contadini”. Quello dei pastori sardi per il latte molto più che sottopagato, è un esempio di rivolta che probabilmente verrà imitato da altri. La situazione è grave per olivicoltori e cerealicoltori, per i produttori di mele, riso, formaggi e ancor di più per chi coltiva pomodoro. È una rivoluzione che parte dal basso, da produttori e agricoltori che vogliono liberarsi delle imposizioni della grande distribuzione per una crescita in autonomia.

Una proposta in risoluzione alla grave crisi che colpisce gli agricoltori è il biodistretto. Un biodistretto è un’area geografica dove agricoltori, cittadini, operatori turistici, associazioni e pubbliche amministrazioni stringono un accordo per la gestione sostenibile delle risorse locali, partendo dal modello biologico di produzione e consumo.

In questo sistema, la promozione dei prodotti biologici si coniuga con la promozione del territorio e delle sue peculiarità; uno scenario a cui tendere per dare un futuro promettente ai giovani in agricoltura.

I contadini chiedono emancipazione e la loro voce non può più essere ignorata. La catena di commercializzazione degli alimenti deve cambiare in modo immediato per essere più equa e proporzionata, limitando lo strapotere contrattuale della grande distribuzione, sistema in cui il contatto diretto tra chi produce e chi consuma non esiste.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Giovani e agricoltura: ne ho parlato ad Ansa Europa

In Italia le imprese agricole gestite da under 35 sono aumentate. Si tratta oggi di aziende più competitive, più grandi e più sensibili a pratiche vicine e rispettose dell’ambiente. Inoltre, noi godiamo del vantaggio di vivere in un territorio come l’Italia che, in termini di varietà e qualità di materia prima dei prodotti, offre un’ampia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Bayer: arriva la terza condanna

La casa farmaceutica Bayer perde, per la terza volta consecutiva, il processo sul Roundup, diserbante prodotto dal colosso americano Monsanto, ora controllato dalla stessa società tedesca. Il tribunale superiore di Oakland, California, ha dichiarato che l’azienda non ha adeguatamente esplicitato i rischi legati all’utilizzo del prodotto. La giuria ha quindi condannato Bayer al risarcimento di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura, il ricambio generazionale che non c’è e il rischio per l’Italia

Agricoltura e giovani: due mondi separati da un insormontabile muro di difficoltà. Un binomio che in Europa ancora non sfonda, nonostante il problema sia sotto la lente della politica agricola comune da più di trent’anni. Nel 2013, in Italia, più del 60% degli agricoltori aveva oltre 55 anni, mentre solo il 5% ne aveva meno▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Via libera dalla Commissione Agri contro le pratiche sleali in agricoltura

È stato fatto un ulteriore passo avanti questa settimana in Europa. Arrivano, infatti, buone notizie per il settore agroalimentare europeo, grazie all’approvazione da parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale (Agri) dell’accordo raggiunto in trilogo sulla direttiva contro le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. Su 44 votanti, si sono espressi a favore 38 deputati,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare