pubblicato il

L’UE potrebbe permettere un falso Made in Italy per i vini!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La tanto attesa modifica del regolamento sull’etichettatura dei vini proposta dalla Commissione europea (EC), potrebbe nascondere una pericolosa insidia per il Made In Italy.

falso Made in Italy per i vini

Nello specifico, la prima stesura del testo, in francese, conteneva una disposizione che permette ai produttori di vini varietali (non tutelati da indicazioni geografiche) di indicare in etichetta il Paese di produzione. Una norma più che legittima.

Peccato che, una volta arrivate le traduzioni nelle altre lingue, ci si sia accorti che nella versione italiana e in altre la parola “prodotto” fosse stata sostituita da “trasformato”. Un cambio che, sebbene sembri a prima vista di minima importanza, potrebbe rivelarsi invece disastroso. Questa dicitura infatti aprirebbe la strada a quanti vogliono utilizzare mosti provenienti da altri Paesi, per poi lavorarli in Italia ed etichettare tali vini, che nessun legame hanno con i vigneti del nostro territorio, come vini italiani.
Una situazione che alimenterebbe le speculazioni e gli sciacallaggi sulla vendemmia 2018, con riduzioni dei prezzi del vino riconosciuti ai produttori, e un palese inganno per tutti i consumatori.

La Commissione europea ci ha garantito di aver già preso in causa la questione, e sembra aver giustificato il tutto come un errore formale nel testo, dimostrato dal fatto che nell’originale si era usato un termine diverso, impegnandosi a correggerlo in tempi brevi. Poiché fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio, la commissione agricoltura del Parlamento europeo ha già fatto sapere che se tale modifica non arriverà entro il termine stabilito, impugnerà l’atto, ritardandone purtroppo così l’adozione. Si tratta di una extrema ratio, a cui speriamo di non essere costretti ad arrivare, perché il regolamento, che contiene alcune norme fortemente volute dai produttori di vini IG per semplificare alcune procedure, verrebbe bloccato per almeno 2 mesi, rendendolo di fatto inutilizzabile per la produzione vinicola di quest’anno.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Qualità, formazione e tutela della nostra agricoltura: ne ho parlato ad AgriFood Today

Recentemente sono stato intervistato da AgriFood Today, per parlare della nostra agricoltura italiana, ripercorrendo alcuni pilastri fondamentali per un settore agricolo sano e produttivo. Siamo partiti da un focus sulla qualità: da una produzione di qualità, infatti e attraverso l’impegno per un consumo consapevole, io credo che porteremo in Europa un grande settore agroalimentare, che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tutelato il riso italiano grazie ai dazi sull’importazione da Cambogia e Myanmar

La Commissione europea ha finalmente accolto le richieste sostenute a gran voce dal Movimento 5 Stelle e dal Governo Conte, di introdurre i dazi sulle importazioni di riso dalla Cambogia e dal Myanmar. Si tratta della battaglia sul riso di cui vi avevo già parlato in questo articolo: bit.ly/Dazi_Riso. Quest’anno per ogni tonnellata di riso▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura 4.0 in Italia: +270% nel 2018 rispetto all’anno precedente

Arrivano notizie interessanti dal settore dell’Agricoltura 4.0 italiana, che nel 2018 ha raggiunto un valore nel mercato tra i 370 e i 430 milioni di euro. Queste cifre corrispondono al 5% del valore del mercato globale, che tocca un traguardo di 7 miliardi di dollari, e al 18% di quello europeo. Sono notizie che ci▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare