pubblicato il

L’UE potrebbe permettere un falso Made in Italy per i vini!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La tanto attesa modifica del regolamento sull’etichettatura dei vini proposta dalla Commissione europea (EC), potrebbe nascondere una pericolosa insidia per il Made In Italy.

falso Made in Italy per i vini

Nello specifico, la prima stesura del testo, in francese, conteneva una disposizione che permette ai produttori di vini varietali (non tutelati da indicazioni geografiche) di indicare in etichetta il Paese di produzione. Una norma più che legittima.

Peccato che, una volta arrivate le traduzioni nelle altre lingue, ci si sia accorti che nella versione italiana e in altre la parola “prodotto” fosse stata sostituita da “trasformato”. Un cambio che, sebbene sembri a prima vista di minima importanza, potrebbe rivelarsi invece disastroso. Questa dicitura infatti aprirebbe la strada a quanti vogliono utilizzare mosti provenienti da altri Paesi, per poi lavorarli in Italia ed etichettare tali vini, che nessun legame hanno con i vigneti del nostro territorio, come vini italiani.
Una situazione che alimenterebbe le speculazioni e gli sciacallaggi sulla vendemmia 2018, con riduzioni dei prezzi del vino riconosciuti ai produttori, e un palese inganno per tutti i consumatori.

La Commissione europea ci ha garantito di aver già preso in causa la questione, e sembra aver giustificato il tutto come un errore formale nel testo, dimostrato dal fatto che nell’originale si era usato un termine diverso, impegnandosi a correggerlo in tempi brevi. Poiché fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio, la commissione agricoltura del Parlamento europeo ha già fatto sapere che se tale modifica non arriverà entro il termine stabilito, impugnerà l’atto, ritardandone purtroppo così l’adozione. Si tratta di una extrema ratio, a cui speriamo di non essere costretti ad arrivare, perché il regolamento, che contiene alcune norme fortemente volute dai produttori di vini IG per semplificare alcune procedure, verrebbe bloccato per almeno 2 mesi, rendendolo di fatto inutilizzabile per la produzione vinicola di quest’anno.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: professionisti al passo coi tempi

Anche nel settore agroalimentare l’attenzione verso la tecnologia è sempre più alta. Dall’agricoltura di precisione tramite droni, ai trattori guidati in automatico dai satelliti, è sempre più evidente che la progettualità degli investimenti è orientata al settore dell’innovazione tecnologica. Basti pensare al caso della blockchain i cui sofisticati sistemi informatici hanno bisogno di nuove infrastrutture▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Bayer: arriva la terza condanna

La casa farmaceutica Bayer perde, per la terza volta consecutiva, il processo sul Roundup, diserbante prodotto dal colosso americano Monsanto, ora controllato dalla stessa società tedesca. Il tribunale superiore di Oakland, California, ha dichiarato che l’azienda non ha adeguatamente esplicitato i rischi legati all’utilizzo del prodotto. La giuria ha quindi condannato Bayer al risarcimento di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato: la Corte UE tutela il diritto di informazione dei cittadini

Molte volte mi sono occupato nell’ambito dell’agricoltura della questione glifosato. Ricordo come già nel 2015 l’Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro rese pubblica la dannosità del glifosato, in quanto un pesticida tossico e probabilmente cancerogeno. Questa sostanza rappresenta uno degli erbicidi più usati nell’Unione europea e numerosi studi dimostrano la sua presenza nelle piante,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!

La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro. Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare