pubblicato il

L’uomo è ciò che mangia, ma in ambito alimentare manca la corretta informazione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Domenica a Milano ho avuto modo di esporre le mie idee in merito all’alimentazione, sostenuto dall’esperienza del Dr. Antonino Frustaglia, medico cardiologo direttore emerito dell’istituto geriatrico Redaelli.

L’alimentazione è un anello fondamentale nella salvaguardia della salute e dal mio punto di vista le priorità su cui lavorare sono qualità, varietà e spreco.
È importante variare la propria dieta evitando di appiattirsi all’offerta globalizzata alla quale siamo costantemente esposti, ma cercando invece prodotti genuini e di qualità. Con il concetto di spreco si fa riferimento non solo a tutto ciò che quotidianamente ognuno di noi scarta, ma anche allo spreco economico che si genera nel corso della filiera produttiva, dal campo alla tavola.

Grazie alla esperienza del Dr. Frustaglia abbiamo riflettuto su quanto la corretta alimentazione, anche in ambito ospedaliero, sia la prima cura per ogni paziente. Infatti, la molte malattie croniche sono causate dallo stile di vita e da abitudini alimentari scorrette.
Risulta fondamentale quindi tradurre concretamente nella vita quotidiana il concetto di educazione e formazione all’alimentazione. A questo proposito nasce il progetto “EDUC.A.RE”, avviato dal Dr. Frustaglia, che accompagna ogni singolo paziente verso un percorso alimentare positivo e consapevole, fornendo alcuni orientamenti che vengono declinati su misura secondo le necessità individuali.

Abbiamo inoltre avuto modo di trattare nello specifico il biologico. Anche in questo caso c’è ancora tanto da fare per generare consapevolezza nelle persone e sarebbe bene cominciare veicolando un’informazione più approfondita nelle scuole e verso i cittadini in generale.
Un esempio concreto è il progetto europeo “Frutta e Verdure nelle scuole” che promuove il consumo nelle scuole appunto di frutta e verdura. Un progetto la cui entità economica non incide molto sul bilancio europeo ma che puó essere impattante sul piano culturale. Aspetto fondamentale perché per poter aiutare le piccole realtà agricole é necessario creare una filiera sana e soprattutto consapevole.

Guarda qui il video del dibattito


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Le interviste

In occasione dell’evento che ho organizzato al Parlamento europeo di Bruxelles per sottolineare l’importanza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per le imprese, ho avuto l’opportunità di confrontarmi e avere uno scambio di idee con alcuni dei protagonisti della giornata: Marco Antonio Attisani, Fondatore della Startup innovativa italia Watly; Erico Giovannini, Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Etichettatura vegetariana e vegana. Un comune standard di certificazione: sarà possibile?

Le abitudini di spesa dei consumatori europei stanno cambiando e vanno verso una direzione di consumo più attenta alla salute, al benessere animale e alla sostenibilità ambientale. Il consumo di prodotti a base vegetale è in forte aumento rendendo da un lato questo segmento di mercato economicamente sempre più appetibile e dall’altro esponendo i consumatori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop cibo falso: indicazione di origine obbligatoria sulle etichette dei prodotti agricoli!

I motivi di questa battaglia fortemente sostenuta dal Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo sono molteplici. Obbligare l’inserimento in etichetta dei Paesi in cui vengono coltivati i prodotti agricoli è fondamentale per tutelare innanzitutto la salute dei cittadini, proteggere il nostro Made in Italy e dare un giusto valore al lavoro degli agricoltori che valorizzano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Basta pratiche commerciali sleali

L’approvazione della direttiva sulle Pratiche Commerciali Sleali rappresenta un grande traguardo così che finalmente si possa avere una redistribuzione del valore economico più equa nella Filiera Agroalimentare in modo da garantire un miglior reddito alle piccole aziende agricole e una migliore qualità dei prodotti disponibili alla vendita. Questa Direttiva è un atto dovuto per ristabilire▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare