pubblicato il

I magredi sono un patrimonio naturalistico comune e vanno tutelati


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non so quanti di voi conoscano la zona dei Magredi, un’incredibile spianata tra due fiumi, il Meduna e il Cellina, quest’ultimo un enorme corso d’acqua che una volta scorreva in superficie, ora non più, e che ci ha lasciato traccia del suo passaggio con questo incredibile scenario.

I Magredi sono una prateria ghiaiosa, una steppa dove proliferano piante autoctone, orchidee selvatiche, arbusti unici che una suggestiva ipotesi vuole importati involontariamente attorno l’anno mille, con l’invasione degli Ungari attraverso i semi attaccati agli zoccoli dei loro cavalli.
Questa zona è in buona parte compresa in un Z.S.C., zona speciale di conservazione (in sostanza, zona protetta dall’Unione europea). L’obiettivo di queste zone è quello di contribuire in modo significativo a mantenere o ripristinare flora e fauna tipiche di quello specifico territorio, o di mantenere in uno stato di conservazione soddisfacente lo status quo, e infine di preservare la biodiversità locale.


La collega portavoce regionale Ilaria Dal Zovo conferma che la Regione Friuli Venezia Giulia ha addirittura emanato una norma a protezione di quella fetta di territorio, la n.17/2006, art. 22, per fissare delle tutele specifiche sull’area, in modo da salvaguardarla ancora di più dalle attività umane. Ebbene proprio in questi territori che vi ho appena descritto, da decenni si fanno esercitazioni militari e si corrono rally; attività queste tutt’altro che rispettose dell’ecosistema ambientale e di chi abita nei dintorni.
Se la Regione Friuli Venezia Giulia non smetterà di dare continue deroghe alla normativa vigente, rischiamo, oltre al danno la beffa, ovvero di vederci recapitare un’altra procedura d’infrazione. Dobbiamo ancora una volta aspettare che sia la Commissione europea e non i nostri amministratori locali a pretendere il rispetto dei nostri territori?


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Agricoltura in Brasile: ecco le mie considerazioni

Ecco le mie considerazioni su ciò che ho visto nel Mato Grosso, enorme regione del Brasile, la terza regione per estensione del Brasile, dove l’economia è in forte sviluppo. E l’agricoltura per questa regione è un settore trainante per il quale il governo locale ha importanti obiettivi.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Mercoledì 13 giugno, un giorno importante per l’Unione Europea che ha festeggiato il primo anno dalla firma della “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica”, o più semplicemente detta “Convenzione di Istanbul”. Questo documento costituisce il primo vero strumento internazionale che considera▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#Dieselgate: la morte viaggia su strada

Ormai è acclarato, le conseguenze delle emissioni di diesel mietono ogni anno migliaia di vittime e l’Italia del Nord purtroppo detiene questo triste e preoccupante record. Il 50% dei decessi in tutta Europa dovuti a queste emissioni avvengono proprio da noi, in gran parte nel Nord Ovest d’Italia. I dati, abbastanza impietosi, provengono da due▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Uniti si vince, a Porcia vi spiegheremo perché

Inizia il countdown per il meeting pentastellato del Friuli Venezia Giulia, in programma il 9 settembre prossimo a Porcia, nella cornice di Villa Correr Dolfin e organizzato dagli eletti in Consiglio regionale. Dai Comuni alla Regione, fino a Roma e Bruxelles, la squadra al completo del M5S presenta oggi uno dei fili conduttori dell’incontro tra▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare