pubblicato il

Manovra del popolo: reddito di cittadinanza, pensioni anticipate e molto altro!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare


Usciamo da una settimana davvero carica di emozioni e risultati. Il nostro Governo del Cambiamento è riuscito a portare a casa la vera #ManovraDelPopolo.
Ma, concretamente, di cosa stiamo parlando?
Ora ve lo spiego. L’accordo raggiunto dal Consiglio dei Ministri nella serata di giovedì 27 settembre riguarda una nota di aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (DEF) della legge finanziaria. Quest’ultima è di fatto la legge che stabilisce in che modo lo Stato possa spendere i soldi pubblici per i tre anni successivi, nonché il tetto di indebitamento dello Stato stesso.
La spesa da coprire attraverso i prestiti, quindi il deficit, è stato fissata al 2,4%. Con questi soldi ci sarà la possibilità di finanziare tutte le misure previste dall’accordo del Governo del Cambiamento.

  • Reddito di cittadinanza e pensioni di cittadinanza: per queste due misure saranno stanziati 10 miliardi per il 2019 e 11 miliardi per il 2020 e il 2021. Reddito di cittadinanza e pensioni minime sono stati fissati a 780 €, in modo tale che più nessuno si trovi al di sotto della soglia di povertà assoluta. Per ottenere il reddito di cittadinanza bisognerà partecipare a programmi di riqualificazione presso i centri per l’impiego, che a loro volta saranno riformati e potenziati grazie ai due miliardi destinati a tale scopo.
  • Flat Tax per partite IVA e imprese: verrà esteso il regime forfettario al 15% di aliquota fino ai 65 mila euro di fatturato, con uno scaglione al 20% fino ai 100 mila euro. La platea dei destinatari del nuovo regime forfettario salirà così a 1,5 milioni.
  • Superamento della legge Fornero: che tradotto significa “pensione anticipata” con il meccanismo della quota 100: si potrà andare in pensione con 62 anni di età e 38 anni di contributi versati.
  • IRES verde: sono degli incentivi fiscali di cui potranno beneficiare tutte le imprese che si dedicano a sviluppare strategie di riduzione dell’inquinamento e delle tecniche dannose per l’ambiente.
  • Risarcimento dei truffati dalle banche: 1,5 miliardi saranno stanziati per coprire questa misura e quindi rendere giustizia a tutti quei risparmiatori che hanno perso dei soldi con il fallimento della propria banca o subìto delle truffe da parte degli istituti bancari.

Ci sarà chi avanzerà dubbi sulla fattibilità di queste proposte e le coperture economiche. Non vi fate ingannare, non si risolvono i problemi con la bacchetta magica ma con la caparbietà e una visione concreta e coraggiosa. L’approvazione della nota di aggiornamento al DEF è il primo passo dell’iter che vedrà queste nostre proposte diventare realtà. È un passo importante perché definisce che prima ci sono i cittadini e i loro bisogni. È finito il tempo di usare gli algoritmi economici come alibi. Abbiamo intrapreso il cammino del cambiamento. Non sarà facile, ma la direzione è tracciata!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Le interviste

In occasione dell’evento che ho organizzato al Parlamento europeo di Bruxelles per sottolineare l’importanza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per le imprese, ho avuto l’opportunità di confrontarmi e avere uno scambio di idee con alcuni dei protagonisti della giornata: Marco Antonio Attisani, Fondatore della Startup innovativa italia Watly; Erico Giovannini, Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Itampharma: la start up contro i tumori 

Ho incontrato Chiara Nardon, Nicolò Pettenuzzo e Leonardo Brustolin, tre ricercatori dell’Università degli studi di Padova che hanno dato vita ad itamPharma. La loro start up (spin-off dell’ateneo patavino) è concentrata sullo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per il trattamento dei tumori orfani, patologie per le quali non vi è una vera cura oggigiorno. Il▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per il digital

Le città occupano soltanto il 3% della superficie del mondo, eppure sono la causa del consumo di ben tre quarti dell’uso di risorse e del 75% delle emissioni globali. È per questo motivo che ho dedicato il mio impegno politico anche a sostegno di un investimento mirato in infrastrutture sostenibili e ricerca, in modo tale▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Se lo diciamo, lo facciamo!

Il contatto e la presenza costante sul territorio, fin dai tempi dei gazebi nelle piazze agli albori del Movimento 5 Stelle, ci hanno permesso di raccogliere le voci e le proposte dei cittadini e portarle con noi all’interno delle istituzioni a qualsiasi livello. Ora, dopo sette mesi di Governo, possiamo cominciare a raccontare quanto fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare