pubblicato il

Mense scolastiche: controlli a tappeto per garantire la sicurezza


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

 

Tutti i giorni le famiglie affidano i propri figli alle scuole anche per il momento del pranzo, del quale non dovrebbero preoccuparsi.

Già qualche anno fa, mi sono occupato delle mense scolastiche dei bambini e ragazzi, affinché questi avessero dei cibi freschi e a km 0, sia nell’ottica di offrire del cibo sano, sia per tutelare e promuovere i prodotti delle piccole aziende agricole del nostro territorio. Con il programma “Frutta, verdura e latte nelle scuole” è stato imposto che questo tipo di prodotti rispettasse tali caratteristiche di genuinità.

Inoltre, grazie all’impegno in Europa del Movimento 5 Stelle, siamo riusciti a non far passare un emendamento che inseriva tra i cibi sovvenzionati dal programma per le mense scolastiche anche dei prodotti a base di latte fermentato aromatizzato al cacao. Questi non sono proprio il tipo di alimento sano che dovrebbe promuovere il programma, poiché il latte aromatizzato non è di certo una produzione locale.

In questi giorni la mia attenzione ritorna nuovamente nei contesti delle mense scolastiche e, purtroppo, non per buone notizie.

Giulia Grillo, Ministro della Salute, assieme ai Carabinieri del Nas, ha avviato delle indagini a tappeto all’interno delle mense scolastiche per assicurare che le condizioni igieniche siano idonee e che i nostri ragazzi si nutrano con cibi sani. Dall’inizio dell’anno sono state ispezionate ben 224 mense, di queste 81 erano irregolari e 7 sono state immediatamente chiuse, a causa delle pessime condizioni igienico-sanitarie.

I carabinieri dei Nas hanno sequestrato oltre 2 tonnellate di alimenti tra prodotti quali: carni, formaggi, frutta, verdura, olio, pane tutti scaduti e senza indicazioni di tracciabilità e provenienza.

Chi oggi lavora nel settore delle mense sa benissimo che ci sono delle regole chiare da seguire e ha tutti i mezzi possibili per garantire tracciabilità, igiene e correttezza di conservazione degli alimenti.

Non dobbiamo arrivare al punto di gridare allo scandalo, ma lo vogliamo prevenire con i controlli e punendo i responsabili prima che avvengano fatti spiacevoli.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per l’agricoltura

Sempre a stretto contatto con le realtà rurali, per dialogare con chi vive le problematiche quotidiane del lavoro agricolo e portare queste voci davanti alla Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. Questo è uno degli aspetti fondamentali della mia attività politica, perché sono fortemente convinto sia necessario promuovere un’agricoltura sostenibile, che agisca nel rispetto degli agricoltori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Filiera corta: un vantaggio per produttori e consumatori

Il Movimento 5 Stelle ha proposto una legge per valorizzare e promuovere la vendita di prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta, a chilometro zero o utile. Questa proposta di legge ha preso vita per la necessità sempre maggiore dimostrata di consumatori, di trovare prodotti locali di chiara provenienza. Infatti, i prodotti che possiamo acquistare nei▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare