pubblicato il

Migranti: tra opportunismi, cecità e affari


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Renzi e il Pd ci hanno svenduto per 80 euro euro trasformandoci nel più grande porto d’Europa.
Infatti, man mano che i giorni passano, emergono i particolari inquietanti di un progetto e di  una gestione degli sbarchi dei migranti sulle coste italiane che ha dei chiari responsabili.
Pochi giorni fa, infatti, quasi per caso, veniamo a sapere dalla Bonino che una parte della zappa che ci arriva sui piedi, ce l’ha tirata Renzi, con i suoi accordi segreti che col suo governo ha battezzato l’operazione Triton, operazione che non solo autorizza le navi di 15 Stati europei a pattugliare il Mar Mediterraneo e a far sbarcare i migranti solo nei nostri porti, ma pare, ben più gravemente, abbia determinato a tavolino di convogliarli verso l’Italia. A Renzi e ai suoi ministri ed ex ministri sia gli italiani che gli immigrati stessi devono chiedere il conto. Salato come il Mar Mediterraneo.
Meme_Migranti_02

L’Italia non ce la fa più e finalmente questo dato di fatto oggi è stato riconosciuto qui a Bruxelles, nel corso dell’audizione sul dramma dell’immigrazione.
L’asilo è un diritto fondamentale e per noi indiscutibile: è concesso a coloro che fuggono dal proprio paese per evitare persecuzioni o gravi pericoli e che quindi necessitano di protezione internazionale.
La crisi migratoria che stiamo vivendo però, posto che si tratti di una crisi e non di un cambiamento strutturale, non ci coinvolge ma ci travolge, o rischia di travolgerci. Assodato il fatto che la stragrande maggioranza dei migranti che arrivano in Europa è di natura economica, e solo una piccola parte (all’incirca il 5%) viene in Italia per motivi unicamente politici, mi chiedo come mai l’Operazione Triton preveda sbarchi solo in porti sicuri che sono tutti esclusivamente italiani, mentre gli altri porti europei evidentemente no!

Molte ONG sicuramente fanno un grande lavoro, ma non tutte sono sotto controllo, se no non si sentirebbe la necessità di istituire “un codice di condotta” come proposto dallo stesso Fabrice Leggeri, direttore di Frontex. E’ successo qualche cosa? Evidentemente sì, visto che le autorità giudiziarie italiane stanno indagando da mesi su azioni che parrebbero fuori controllo e legate alla malavita organizzata. A Frontex chiediamo se ci siano state situazioni poco chiare e se sia vero che gli interventi avvengono sempre più verso le coste libiche.

E inoltre, ci sono contatti fra le ONG che operano nel Mar Mediterraneo e gli scafisti? Chi le finanzia? Ricevono fondi pubblici? A quanto ammontano? Con quale rappresentante del governo italiano Frontex ha negoziato il piano operativo dell’operazione Triton? Chi ha proposto di fare una eccezione sulla regola del mare che obbliga a portare una nave alla deriva nel “porto più vicino”? Quali sono le modalità di recesso di Triton? Perché l’Unione europea non ha mai riempito il vuoto nelle operazioni di ricerca e salvataggio lasciato dalla fine dell’operazione Mare Nostrum e colmato oggi dalle ONG? Cosa fa la guardia costiera europea che non ha risolto il problema degli sbarchi illegali che mettono in pericolo vite umane e arricchiscono bande criminali?

Il problema politico è enorme ma i leader “europeisti” degli altri paesi, dove sono finiti? Dov’è l’Unione? Macron e la sua Francia, i paesi nordici, la Germania, la crème della crème dell’europeismo nel frattempo ha chiuso i propri porti.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Voto sulla PAC: Zullo all’Europarlamento

No a tagli indiscriminati, serve maggiore attenzione a chi contribuisce al bene comune con la propria attività     Conclusa con il voto dell’Assemblea la seduta Plenaria a Strasburgo sulla PAC: un voto che ancora non decide sull’applicazione della politica agricola ma delinea la posizione del Parlamento in merito alle priorità che dovranno essere al▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Direttiva Copyright. #SalviamoInternet dalla censura europea

L’ultima direttiva in materia di diritto d’autore nel mercato unico digitale risale al 2001, quando ancora nessuno poteva immaginare la grande rivoluzione che avrebbe portato Internet e l’arrivo dei social network. Ora il Parlamento Europeo ha deciso di aggiornare la propria posizione con una nuova direttiva che, di fatto, rischia di mettere a repentaglio la▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Parliamo di intelligenza artificiale

In commissione Mercato Interno e Tutela del Consumatore parliamo di #intelligenzaartificiale #IA. Puó un algoritmo avere personalità giuridica? Di chi sarà la responsabilità? Della macchina o del costruttore? La frase nell’immagine è una citazione di Alan Turing, l’inventore della Macchina di Turing, il primo moderno computer del ventesimo secolo, riporta: “Propongo di considerare la domanda: “possono le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Data Economy, l’economia dei dati digitali

Per il M5S è fondamentale la protezione delle informazioni che circolano in rete, ma soprattutto la fiducia che i consumatori ripongono nelle piattaforme online di ogni genere, da quelle di e-commerce, ai servizi di cloud computing. Questa famosa nuvola digitale rappresenta un vero e proprio silos di informazioni e può essere la base di partenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare