pubblicato il

Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini.


I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi del tipo “il CETA ce lo chiede l’Europa”, “la produzione nazionale non è a rischio”, “non saranno abbassati i nostri standard” sono mere falsità.  Di fatto il CETA mette a rischio pesantemente le nostre piccole e medie imprese e dà il via libera agli OGM. Le importazioni di grano canadese OGM passerebbero dalle circa 38mila tonnellate l’anno alle circa 100mila. Tutto ciò non è tollerabile.

 

Inoltre il CETA è stato ideato per non essere limitato. Una volta partito non si potrà più fermare. Ci sarà infatti la cosiddetta “Cooperazione Normativa” tra Canada e UE, ovvero un organismo sovranazionale che giudicherà preventivamente qualsiasi nuova normativa che possa andare contro il Ceta, così da bloccarla sul nascere.

 

Poi da non sottovalutare il fatto che l’intervento dei privati previsto dal CETA è molto invasivo nei servizi pubblici. Il CETA vuole imporre il principio che ciò che è stato liberalizzato e privatizzato non può più tornare in mano pubblica. Infatti si “impone” che le liberalizzazioni sin qui ottenute non possano essere diminuite in futuro e che gli interventi dei privati nel settore dei servizi siano irreversibili. Non possiamo permettere che l’Italia ratifichi questo accordo suicida.

La clausola ICS è un’altra nefandezza del CETA. Questa clausola all’interno dell’accordo prevede l’istituzione di tribunali speciali grazie ai quali gli investitori privati potranno essere tutelati. Grazie a questi tribunali le multinazionali potranno citare in giudizio uno Stato membro, come ad esempio l’Italia, con lo scopo di ottenere il risarcimento dei danni dovuti ad una normativa che lede i loro interessi. Questo è il CETA, un trattato pericoloso e completamente antidemocratico.

#stopceta


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Per un Friuli Venezia Giulia a 5 stelle sosteniamo il candidato presidente Alessandro Fraleoni Morgera!

Un Friuli Venezia Giulia con meno sprechi, con più lavoro e innovazione, attento all’ambiente e allo sviluppo, è un Friuli Venezia Giulia a 5 Stelle. Sosteniamo il nostro candidato Presidente Alessandro Fraleoni Morgera – MoVimento 5 Stelle! ⭐

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#FakeNews: cosa sta facendo l’Europa?

  Di fatto, la tematica delle fake news (notizie false) in #Europa è particolarmente controversa.   In #Germania lo scorso ottobre è entrata in vigore la legge che impone ai social network la rimozione di fake news, post di incitamento all’odio e materiale illegale entro certi limiti di tempo, anche 24 ore, pena multe fino▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Verso un mercato più sano ed equo

La prossima settimana a Bruxelles parteciperò ai dibattiti delle Commissioni IMCO e AGRI per discutere sulle pratiche commerciali sleali nel settore alimentare. Sembrano argomenti molto lontani dalla vita quotidiana di ogni cittadino, ma in realtà ciò che succede nell’ambito del commercio interaziendale, trova un riscontro tangibile anche nella realtà di tutti i giorni per i▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

In Brasile per verificare i sistemi di qualità e tracciabilità dell’agricoltura e della zootecnica

Proprio un anno fa scoppiava il caso internazionale della #CarneAvariata proveniente dal Brasile, sul quale io stesso più volte intervenni in Parlamento. Oggi sono qui in Brasile con la Commissione Agricoltura per andare ad analizzare il più possibile a fondo lo stato dell’arte del settore agricolo e zootecnico brasiliani, il livello dei sistemi sanitari di controllo e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare