pubblicato il

Normativa bevande alcoliche: puntiamo a migliorare


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri sono intervenuto in commissione AGRI in relazione al settore delle bevande spiritose/alcoliche che rappresenta sia una punta di eccellenza delle produzioni europee sia un settore commerciale florido, che influisce in modo estremamente positivo sia sulla bilancia commerciale comunitaria che sull’occupazione.Infatti, Infatti ben l’8% delle esportazioni agroalimentari è coperto da questo settore e occupa oltre un milione di persone.

Innanzitutto cosa sono le bevande definite come “spiritose”? Sono prevalentemente distillati, acquaviti e liquori.

Questo settore è da considerarsi come una punta di eccellenza delle produzioni europee e commercialmente influisce in modo estremamente positivo sia sulla bilancia commerciale comunitaria che sull’occupazione. Infatti, ben l’8% delle esportazioni agroalimentari è coperto da questo settore.

Il regolamento 110/2008 che è stato scritto a suo tempo per definire i criteri per la produzione, la designazione, la presentazione, l’etichettatura delle bevande spiritose, nonché la protezione delle indicazioni geografiche. si è dimostrato in questi anni uno strumento complessivamente efficace, e sono perciò d’accordo che il suo adeguamento al quadro normativo del Trattato di Lisbona debba avvenire senza alterarne sostanzialmente il contenuto.

Forse, alla luce dei tanti conflitti che in questi anni si sono verificati per casi di omonimia tra produzioni tradizionali locali differenti, bisognerebbe invece lavorare meglio, a tutti i livelli (locale, nazionale, comunitario) per migliorare lo scambio di informazioni, la collaborazione e la cooperazione, al fine di evitare che delle norme buone vengano poi invece applicate in modo rigido e, alla fin fine, controproducente. Questa è une riflessione più ampia, che vale per le bevande spiritose ma anche per gli altri settori, come quello del vino. Penso al caso della mia regione che anni fa, proprio a causa di questa estrema rigidità, si è vista privare dell’utilizzo del nome Tocai per un vino dalla tradizione secolare, che faceva e fa parte dell’identità di questa terra, per la sola sfortunata coincidenza di un’omonimia con un prodotto completamente diverso proveniente dall’Ungheria.

Un principio che ritengo fondamentale e che a mio avviso sta al di sopra di tutto, è che l’attenzione alle esigenze dei produttori deve essere ben coniugata con quella per la necessaria tutela dei consumatori.
Il settore delle bevande spiritose gode di una disciplina specifica, con regole particolari e disegnate appositamente per far fronte alle peculiarità di queste produzioni. Dobbiamo però esigere che questa specialità sia legata, anzi sia una conseguenza, dell’altissimo livello di qualità, di rispetto delle tradizioni e del valore storico che rappresenta il vero valore aggiunto del settore. Condivido perciò appieno disposizioni come quella dell’art. 3 del regolamento che ribadisce che l’alcool utilizzato nella preparazione di queste bevande debba esclusivamente essere di origine agricola.

Sul fronte delle informazioni al consumatore, poi, credo sia il caso di aprire una riflessione sul tema dell’indicazione della provenienza dei componenti della bevanda. Credo sia interesse di tutti.
Mi rendo conto che chiedere di includere nell’etichetta queste informazioni rappresenti un onere eccessivo per i produttori. D’altra parte però sarebbe il caso che questa indicazione fosse presente almeno per quei componenti che potremmo definire “preponderanti”, o che costituiscono la parte più significativa del prodotto finale.

 


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Flusso dei dati non personali: un nuovo Regolmento

Il confine tra dati personali e dati non personali è spesso molto sfumato. Per tutelare maggiormente gli utenti nel caso di flussi di dati non personali abbiamo presentato una serie di emendamenti andati a buon fine. È un successo importante quello raggiunto oggi, lunedì 4 giugno, perché la cosiddetta Data Economy è uno dei temi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’inizio del cambiamento

“Se lo puoi sognare, lo puoi fare” ci ha ricordato Beppe Grillo. Ora il nostro sogno è diventato realtà. Venerdì 1° giugno Giuseppe Conte si è presentato al Quirinale per la cerimonia del giuramento davanti al Presidente della Repubblica Mattarella. Nella sua squadra di governo gialloverde sono coinvolti, tra gli altri, il nostro capofila del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop ai pesticidi!

ieri ho partecipato con il collega Federico D’Incà del MoVimento 5 Stelle a #cisondivalmarino ad una marcia assieme a tante persone che dicono NO all’uso dei #pesticidi. Già oggi è possibile utilizzare metodi e strumenti per tutelare ambiente, salute e persone #pesticidifree #m5s

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Verso un mercato più sano ed equo

La prossima settimana a Bruxelles parteciperò ai dibattiti delle Commissioni IMCO e AGRI per discutere sulle pratiche commerciali sleali nel settore alimentare. Sembrano argomenti molto lontani dalla vita quotidiana di ogni cittadino, ma in realtà ciò che succede nell’ambito del commercio interaziendale, trova un riscontro tangibile anche nella realtà di tutti i giorni per i▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare