pubblicato il

Nuova etichettatura, Governo Renzi impreparato


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

renzimatteoIl 13 dicembre entra in vigore la nuova etichettatura alimentare europea, che introduce misure importanti come l’obbligo dell’origine per carni suine, avicole e ovi-caprine. Obbligo oggi previsto solo per carni bovine, miele, olio d’oliva, ortaggi e frutta fresca. Come sempre accade, i regolamenti europei vanno adattati su base nazionale. Ed è qui che il Governo Renzi si dimostra di nuovo impreparato.

Infatti, il Ministero dello Sviluppo Economico ha sì diramato una circolare (31 luglio) per conformare le disposizioni nazionali a quelle europee. Ma non ha previsto l’indicazione obbligatoria dello stabilimento di produzione. Oltretutto, secondo quanto ha dichiarato alla Camera il sottosegretario Claudio De Vincenti, pare che il Governo non abbia proprio intenzione di coprire questa falla.
Una questione marginale?

200464099-001Non proprio, soprattutto per i consumatori. Intanto perché sempre più cittadini fanno la spesa in maniera consapevole, scegliendo cosa comprare in base alla regione di provenienza. Magari anche per sostenere le produzioni locali, e con queste il proprio territorio. Senza indicazione dello stabilimento di produzione questo non potrà più accadere. Senza dimenticare che esiste una fetta della popolazione non trascurabile con allergie e intolleranze alimentari. Per loro conoscere lo stabilimento di origine di un prodotto è fondamentale. Perché la stessa marca di pasta può risultare innocua se prodotta in uno stabilimento e provocare reazioni allergiche se prodotta in un altro, dove entra a contatto con allergeni di vario tipo. Il fatto che i prodotti entrino in contatto con uno o più allergeni in uno stabilimento piuttosto che in un altro è facilmente riscontrabile.

Basta controllare le confezioni di alcuni prodotti al supermercato.
Il problema è che fino ad oggi i produttori erano obbligati a farlo secondo la legge 109 del 1992, ma dal 13 dicembre non lo saranno più. Perché questa norma decade con l’entrata in vigore del regolamento europeo 1169/11. L’unico modo per ristabilirla è
prevederla a livello italiano. Cosa che il sottosegretario De Vincenti si è rifiutato di promettere. Adducendo tra l’altro motivazioni labili, come il fatto che i produttori possano già indicare su base volontaria lo stabilimento in etichetta. Su base volontaria, appunto. Lungi dall’essere obbligatoria.

Se il Governo Renzi non si attiverà, a pagarne le conseguenze, come sempre, saranno i consumatori, che non avranno a disposizione tutte le informazioni necessarie per scegliere cosa comprare.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: made-in di qualità

Ci lamentiamo sempre delle arance marocchine, dell’olio tunisino e di quanto i prodotti del Nord Africa vadano a ledere la nostra capacità di produzione e di vendita nei mercati. Con i colleghi della Commissione Agricoltura siamo andati a vedere che cosa succede realmente in quei paesi per capire anche come tutelare i nostri mercati, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!

La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro. Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato: la Corte UE tutela il diritto di informazione dei cittadini

Molte volte mi sono occupato nell’ambito dell’agricoltura della questione glifosato. Ricordo come già nel 2015 l’Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro rese pubblica la dannosità del glifosato, in quanto un pesticida tossico e probabilmente cancerogeno. Questa sostanza rappresenta uno degli erbicidi più usati nell’Unione europea e numerosi studi dimostrano la sua presenza nelle piante,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare