pubblicato il

Nuovo regolamento agricoltura biologica: persa una grande occasione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Quella di oggi poteva essere una giornata di svolta, dove finalmente si ponevano le basi per un buon regolamento sull’agricoltura biologica e in cui vi era la possibilità di uniformare le regole a livello europeo. Se è vero infatti che da un lato non si sono peggiorate le cose, dall’altro non posso però affermare che siano stati fatti passi in avanti per migliorarle. Purtroppo, questa grande occasione, è andata sprecata.

Oggi nel trilogo, in vista di una definizione del testo finale del nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, si è cercato di trovare un compromesso dopo 20 mesi di negoziazioni -tra le più lunghe mai viste- perché c’ erano parecchi punti su cui di fatto non c’era ancora un accordo: ad esempio l’import -export, la possibilità di coltivare in serra in determinate aree del territorio europeo e le soglie per la quantità di residui ammessi per poter etichettare il prodotto come biologico.

biologicomeme1

L’Italia rappresenta un’eccellenza nel settore: abbiamo regole per la produzione serie e standard elevati, anche per quanto riguarda la presenza di residui di fitofarmaci: questa era dunque l’occasione per far sì che anche gli altri Stati si adeguassero a questi livelli e invece nulla è stato fatto in tale senso.

Anche se la commissione era partita in modo ambizioso, si è finiti poi ad un accordo al ribasso per l’ incapacità degli Stati di trovare una sintonia di intenti; si poteva fare di più, mi aspettavo una maggiore attenzione da parte degli Stati membri su quelli che sono gli aspetti qualitativi a dispetto degli interessi economici che, seppur leciti, non possono essere sempre l’ago della bilancia in una decisione.

Oggi in Europa ognuno guarda ai propri interessi e a fatica si percepisce un senso di comunità: è fondamentale invece andare in direzione contraria e unire le forze nel conseguimento di un obiettivo comune.

Il tema di oggi era davvero importante e delicato in quanto il biologico – che ha un’economia che si sta sviluppando molto velocemente e che cresce nonostante questo periodo storico di crisi- meritava un approccio che mettesse al centro, al contempo, le garanzie per il consumatore.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Scenari post Brexit: no ai tagli all’agricoltura e ai fondi per le Regioni

I tagli previsti all’agricoltura e ai fondi per le Regioni sono inconcepibili. La richiesta portata avanti dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz, che ha sollecitato tagli a diversi programmi comunitari, è di fatto antieuropeista. Non dimentichiamo che l’Austria assumerà a luglio la presidenza di turno dell’Ue: proprio l’Austria che prima dimostra di voler abbandonare la collaborazione▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Festa del BIO a Verona

In questo weekend ricco di impegni, mi sono ritagliato un po’ di tempo per partecipare alla Festa del Bio, un evento itinerante che coinvolge le maggiori piazze italiane per promuovere il biologico nel settore dell’agroalimentare. Sabato la manifestazione si è tenuta nella suggestiva Piazza dei Signori a Verona, dove sono stati allestiti diversi stand che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fake news e contenuti illegali online: cosa propone l’unione europea?

La battaglia alle fake news e ai contenuti illegali si fa sempre più attuale e rilevante, in particolare nel vastissimo mondo del web. A Bruxelles ora si punta a definire un codice di buone pratiche sul tema della disinformazione entro luglio 2018, con l’obiettivo di ottenere un impatto misurabile entro ottobre 2018. Nel mirino tutte le piattaforme▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura in Brasile: ecco le mie considerazioni

Ecco le mie considerazioni su ciò che ho visto nel Mato Grosso, enorme regione del Brasile, la terza regione per estensione del Brasile, dove l’economia è in forte sviluppo. E l’agricoltura per questa regione è un settore trainante per il quale il governo locale ha importanti obiettivi.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare