pubblicato il

Obsolescenza programmata e spreco


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Abbiamo chiesto al Commissario designato per il Mercato interno, la Difesa e lo Spazio, Sylvie Goulard azioni concrete per rendere effettiva l’economia circolare.

“Per raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 e per guidare la transizione verso un’economia circolare, l’Europa deve agire sulla durabilità dei prodotti. I nostri genitori hanno vissuto in una società in cui gli elettrodomestici e le auto duravano molto più a lungo rispetto a quanto siamo abituati oggi. I dati lo confermano, il modello usa e getta non è più sostenibile, né dal punto di vista economico, né etico. Una economia che sia realmente circolare deve puntare sulla durabilità dei prodotti e la loro riparabilità, contrastando l’obsolescenza programmata”.

“Un cambio di approccio può rimettere al centro della azione politica la rigenerazione urbana ricreando un indotto di piccoli riparatori, professionalità strettamente legate al territorio e non delocalizzabili. Chiediamo alla futura Commissione di mettere in campo iniziative legislative per la creazione di una reale economia circolare: per esempio, contemplare l’obbligo per i produttori di garantire un adeguato servizio tecnico per i beni che fabbricano o importano; oppure, imporre di fornire i pezzi essenziali, a un prezzo adeguato e proporzionato al valore dei beni stessi”.

Come sempre, il cambiamento accade se l’informazione e la formazione si integrano, coaudiuvati dal tempo.
Informare le persone, le famiglie, i bambini sulle opportunità che ci sono per acquistare prodotti meno dannosi per l’ambiente e per se stessi è fondamentale, allo stesso tempo formare, in modo da creare una coscienza ed un modello etico di economia circolare che nel tempo possano rammendare gli errori del passato.

di Marco e Max


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: made-in di qualità

Ci lamentiamo sempre delle arance marocchine, dell’olio tunisino e di quanto i prodotti del Nord Africa vadano a ledere la nostra capacità di produzione e di vendita nei mercati. Con i colleghi della Commissione Agricoltura siamo andati a vedere che cosa succede realmente in quei paesi per capire anche come tutelare i nostri mercati, e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare