pubblicato il

Oggi diciamo #STOPGLIFOSATO! Twitter storm dalle 11.00 alle 15.00


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il prossimo 5 e 6 ottobre la Commissione Europea dovrà prendere una decisione in merito al rinnovo dell’autorizzazione del glifosato nell’Unione europea. Il rischio che questo veleno venga autorizzato nuovamente per altri dieci anni c’è.

Per questo OGGI dobbiamo far sentire la nostra voce e quella dei tanti cittadini italiani contrari al rinnovo dell’autorizzazione all’uso del #glifosato con un Twitter Storm alla vigilia della riunione decisiva del 5 e 6 ottobre, per rinforzare l’azione di pressione che stiamo svolgendo sulle Istituzioni europee e nazionali come Coalizione #StopGlifosato.

Nei mesi scorsi, grazie all’intensa mobilitazione di tutta la Coalizione italiana ed europea #StopGlifosato, abbiamo raccolto in poco tempo oltre 1,3 milioni di firme per la petizione ICE, mentre nella petizione lanciata da Avaaz sono state raccolte ben 2.049.804 firme per bandire una volta per tutte questo dannoso erbicida.

Il glifosato è il simbolo di quella agricoltura industriale e intensiva, basata sull’uso ordinario della chimica di sintesi, che costituisce una delle maggiori minacce per la conservazione della biodiversità a livello globale e per la nostra salute.
Infatti lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha classificato il glifosato come “potenzialmente cancerogeno per l’uomo” al contrario di quanto riporta il documento dell’EFSA, su cui la Commissione europea baserà la propria decisione.

Oggi sappiamo che buona parte di questo rapporto è stato vergognosamente copiato da un documento redatto dalla Monsanto, quindi proprio dalla multinazionale produttrice che, come emerso da varie indagini, si è spinta sino a condizionare il mondo della ricerca scientifica. Tutto questo in nome dell’interesse, solo per mantenere il proprio prodotto sul mercato più a lungo possibile.

Per questo noi oggi faremo sentire tutto il nostro dissenso, chiedendo al Governo italiano di dimostrarsi contrario all’uso del glifosato votando NO invece di astenersi come già fatto nel 2016. Uniti possiamo farcela. Qui il vademecum per partecipare al Twitter Storm #StopGlifosato: http://bit.ly/2ylkM6K

L’Europa deve garantire il benessere e la salute dei cittadini, non gli indecenti interessi dei colossi del veleno! #stopglifosato


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Raggiunto l’accordo per il codice delle comunicazioni elettroniche

Dopo un iter legislativo durato quasi due anni, è stato raggiunto l’accordo politico fra il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea sul nuovo Codice delle Comunicazioni Elettroniche, il cui ultimo aggiornamento risale al 2009. Inizialmente esaminato dalle Commissioni ITRE e IMCO del Parlamento Europeo, quest’ultimo il 25 Ottobre 2017 approvò il mandato per iniziare le negoziazioni col▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Incontro con il Segretario Generale delle Nazioni Unite: la mancanza di parità di genere è influenzata da logiche di potere radicate

Ieri sera ho partecipato ad un incontro con António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite. Nel dibattere sul tema della parità di genere Guterres ha sottolineato come come questo obiettivo sia fortemente influenzato da logiche di potere radicate. Ciò lo si vede dal fatto che le norme che forzano in direzione della parità di genere▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

In Brasile per verificare i sistemi di qualità e tracciabilità dell’agricoltura e della zootecnica

Proprio un anno fa scoppiava il caso internazionale della #CarneAvariata proveniente dal Brasile, sul quale io stesso più volte intervenni in Parlamento. Oggi sono qui in Brasile con la Commissione Agricoltura per andare ad analizzare il più possibile a fondo lo stato dell’arte del settore agricolo e zootecnico brasiliani, il livello dei sistemi sanitari di controllo e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy

Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.   A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare