pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro.

Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per questo una prerogativa per la quale mi batto, anche in Europa, è quella di vietare OGM e pesticidi, promuovendo la transizione verso un’agricoltura sempre più sostenibile.

Il ricorso agli OGM innesca un circolo vizioso che mette in serio pericolo la salute dell’uomo e dell’ambiente. La resistenza ai potenti pesticidi, come il glifosato ed il glufosinato, che hanno sviluppato tali prodotti, infatti, fa sì che se ne aumentino le dosi e la frequenza di utilizzo. Il risultato di questo abuso è che nei prodotti alimentari si registrerà un carico sempre maggiore di residui, mentre i prodotti di degradazione dei pesticidi, finendo in acqua, danneggeranno ambiente, salute e biodiversità.

Ad aggravare ulteriormente questo scenario, già preoccupante, è il fatto che al momento, in Europa, il sistema di autorizzazione non rispecchia la massima trasparenza ed il diritto di accesso alle informazioni, ai documenti e agli studi scientifici condotti dall’Agenzia per la Sicurezza Alimentare non viene sempre rispettato. È fondamentale, quindi, che il principio di precauzione, secondo cui per le questioni scientificamente controverse andrebbe attuata una politica di condotta cautelativa, venga applicato in toto.

OGM e pesticidi free, è questo l’obiettivo a lungo termine a cui bisogna puntare. L’agricoltura di prodotti biologici, ricchi di principi nutritivi e poveri di sostanze nocive, è un elemento chiave per il raggiungimento della sostenibilità ambientale e della tutela della salute. Affinché ciò sia possibile è necessario fornire gli ausili adeguati agli agricoltori in modo che intraprendano la strada verso una progressiva riduzione dei pesticidi.

È tempo che i consumatori, l’ambiente e la tutela della biodiversità siano messi al primo posto: il biologico 100% è possibile.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: professionisti al passo coi tempi

Anche nel settore agroalimentare l’attenzione verso la tecnologia è sempre più alta. Dall’agricoltura di precisione tramite droni, ai trattori guidati in automatico dai satelliti, è sempre più evidente che la progettualità degli investimenti è orientata al settore dell’innovazione tecnologica. Basti pensare al caso della blockchain i cui sofisticati sistemi informatici hanno bisogno di nuove infrastrutture▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato: la Corte UE tutela il diritto di informazione dei cittadini

Molte volte mi sono occupato nell’ambito dell’agricoltura della questione glifosato. Ricordo come già nel 2015 l’Agenzia internazionale per la Ricerca sul Cancro rese pubblica la dannosità del glifosato, in quanto un pesticida tossico e probabilmente cancerogeno. Questa sostanza rappresenta uno degli erbicidi più usati nell’Unione europea e numerosi studi dimostrano la sua presenza nelle piante,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Bayer: arriva la terza condanna

La casa farmaceutica Bayer perde, per la terza volta consecutiva, il processo sul Roundup, diserbante prodotto dal colosso americano Monsanto, ora controllato dalla stessa società tedesca. Il tribunale superiore di Oakland, California, ha dichiarato che l’azienda non ha adeguatamente esplicitato i rischi legati all’utilizzo del prodotto. La giuria ha quindi condannato Bayer al risarcimento di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare