pubblicato il

Proteggiamo la terra che ci ospita: Global Strike for Future


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi in moltissime piazze del mondo, milioni di ragazzi e non solo, si riuniranno per chiedere risposte e provvedimenti concreti contro i cambiamenti climatici. Sarà una manifestazione senza bandiere o colori politici, ma uniti per il nostro Pianeta, patrimonio che appartiene a tutti.

Anche noi del Movimento 5 Stelle Europa abbiamo manifestato in settimana davanti alla Plenaria del Parlamento europeo di Strasburgo, per far sentire il nostro sostegno e la nostra vicinanza a questi giovani.

Nei cinque anni passati qui in Europa, ci siamo sempre battuti in ogni modo per la sfida del clima e della tutela ambientale. In ogni emendamento, in ogni battaglia e in ogni proposta di legge abbiamo sempre messo al centro il cittadino e le tematiche di salvaguardia ambientale. E non abbiamo intenzione di fare alcun passo indietro, ma anzi, vogliamo continuare su questa strada più uniti che mai. Servono piani e strategie globali in grado di arginare tali problematiche e proteggere il nostro pianeta.

Un documento che ritengo guida fondamentale è quello redatto dall’ONU, i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs). Obiettivi che guardano da vicino problematiche come l’inquinamento del mare, la desertificazione delle foreste, l’uso di pesticidi in agricoltura. Il futuro può migliorare solamente se si guarda, assieme, in un’unica direzione: quella della sostenibilità.

Tutti i giovani che oggi si riuniranno nelle piazze per manifestare contro gli effetti del cambiamento climatico non possono rimanere voci inascoltate. Sono il nostro futuro e noi siamo in dovere di portare all’interno delle istituzioni le loro preoccupazioni e le loro proposte!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Alberi per il futuro – Chi pianta un albero mette le radici nel domani

“Quando l’ultimo albero sarà tagliato, l’ultimo fiume inquinato, l’ultimo pesce pescato, scoprirete che il denaro non si può mangiare”. Nei versi di questo famoso aforisma attribuito al capo tribù Toro Seduto ci sta molta verità. Una triste e disarmante verità. Per questo motivo siamo in dovere di trovare e promuovere iniziative che tutelino l’ambiente e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

PFAS: l’Europa perde l’occasione di salvaguardare la salute dei suoi cittadini

L’Europa ha perso una grande occasione di garantire la salute e la sicurezza dei suoi cittadini. Martedì, infatti, nella seduta Plenaria radunata nella sede di Strasburgo è passato l’aggiornamento alla direttiva del 1998 sull’acqua potabile. Una parte rilevante di questa direttiva nasce da un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), che ha visto raccolte quasi due milioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#NoPalmInMyTank per dire NO all’olio di palma nei carburanti

Ieri, 16 gennaio, insieme ad alcuni colleghi, al Parlamento europeo di Strasburgo abbiamo manifestato contro i combustibili derivanti da olio di palma. Questi combustibili sono tutt’altro che verdi, sono ritenuti tre volte più dannosi dei normali carburanti diesel. Sono causa di inquinamento, deforestazione e distruzione degli habitat naturali di diversi animali, tra cui gli oranghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare