pubblicato il

Reddito di Cittadinanza: lo Stato vicino alle persone


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il Reddito di Cittadinanza e la Quota 100, raggiungendo una tappa davvero fondamentale.

Infatti, sono due misure che costituiscono un grande progetto di politica economica e sociale e vanno a rispondere agli impegni che il nostro Governo ha preso fin dall’inizio con i cittadini e che il Movimento 5 Stelle porta avanti da molto tempo.

In soli sette mesi dall’inizio del Governo del Cambiamento, siamo riusciti a realizzare qualcosa che era stato prospettato come impossibile e folle.

Ci sono 5 milioni di persone in condizione di povertà che potranno beneficiare del Reddito di Cittadinanza e tutti coloro che non trovano lavoro, saranno aiutati dallo Stato.

Concretamente, gli obiettivi perseguiti dal Reddito di Cittadinanza sono migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, aumentare l’occupazione e contrastare la povertà e le disuguaglianze.

Ma attenzione! Al contrario di quanto alcuni potrebbero pensare o come troppo spesso viene fatto passare dai media, nessuno potrà stare fermo sul divano e godere del reddito di cittadinanza. Tutti coloro che sono in grado di lavorare dovranno attivarsi per stipulare il patto per il lavoro e il patto per la formazione. Chi non parteciperà alle iniziative formative, dovesse rifiutare anche la terza offerta di lavoro o fornire informazioni o dati falsi alle autorità, verrà automaticamente escluso dal diritto di percepire il RdC.

Per informazioni più specifiche sul Reddito di Cittadinanza, le modalità e le regole, clicca qui bit.ly/info_RdC.

Da oggi, grazie al Governo del Cambiamento, nasce un nuovo welfare state in Italia, dove le persone sono messe al centro di una rivoluzione del mondo del lavoro.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Epifania

Sono stati anni duri, siamo entrati in Parlamento per portare dei valori, per migliorare questa società. Mi sono scontrato con una macchina istituzionale logorata, che troppo spesso tramuta il bene comune in un interesse di pochi. Ho dovuto studiare, capire non solo i meccanismi ufficiali ma anche le prassi, quelle regole non scritte che se▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per il digital

Le città occupano soltanto il 3% della superficie del mondo, eppure sono la causa del consumo di ben tre quarti dell’uso di risorse e del 75% delle emissioni globali. È per questo motivo che ho dedicato il mio impegno politico anche a sostegno di un investimento mirato in infrastrutture sostenibili e ricerca, in modo tale▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Giornata mondiale contro l’infibulazione e le mutilazioni: basta violenza sulle donne!

Nella Giornata mondiale contro l’infibulazione e le mutilazioni genitali femminili, si ricorda e si vuole contrastare una pratica disumana, una grave violazione dei diritti umani fondamentali. Come membro della Commissione FEMM al Parlamento europeo e come persona, mi sono sempre preso davvero a cuore le iniziative che denunciano ogni tipo di violenza contro le donne;▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#NoPalmInMyTank per dire NO all’olio di palma nei carburanti

Ieri, 16 gennaio, insieme ad alcuni colleghi, al Parlamento europeo di Strasburgo abbiamo manifestato contro i combustibili derivanti da olio di palma. Questi combustibili sono tutt’altro che verdi, sono ritenuti tre volte più dannosi dei normali carburanti diesel. Sono causa di inquinamento, deforestazione e distruzione degli habitat naturali di diversi animali, tra cui gli oranghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare