pubblicato il

Richiedenti asilo: quanti i profughi e quanti gli irregolari?


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Insieme a Ilaria Dal Zovo richiederò i dati aggiornati alle Prefetture di Udine, Trieste, Pordenone e Gorizia per sapere a quante persone è stato concesso lo status di rifugiato e a quante è stato rifiutato in quanto immigrato irregolare. Di fatto la situazione sul nostro territorio, anche alla luce degli ultimi accadimenti, rischia di diventare ingestibile.

Il M5S ha proposto, dall’inizio della legislatura e in più riprese, di assumere 15.000 persone in gran parte neo laureati specializzati in materie giuridiche per rafforzare le Commissioni e velocizzare i tempi d’identificazione, di rilascio o di respingimento delle richieste d’asilo. Forse a qualcuno torna comodo che un numero sempre maggiore di persone stiano qui almeno un anno e mezzo-due invece di sei mesi per poter alimentare il “business immigrazione”.

immagine richiedenti asilo

Si tratta di una situazione imbarazzante che genera pericolosissime guerre tra poveri e che di riflesso aumenta la xenofobia e il razzismo nei confronti di queste persone.
Da sempre sosteniamo che bisogna gestire i flussi e superare una gestione emergenziale: il fenomeno è ormai strutturale e uno dei modi migliori, per affrontare questo tema, è l’accoglienza diffusa. L’integrazione di piccoli numeri tra le comunità è possibile. Basta puntare su centri di accoglienza enormi, come la caserma Cavarzerani o il CARA di Gradisca, che ormai vede la presenza di 700 persone circa.

Tutto ciò va evitato con buonsenso e trasparenza: è necessaria una chiara volontà politica per arrivare ad una soluzione di questo annoso problema. Basta visioni falsate, basta strumentalizzare questa problematica.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Italia deve puntare sulla qualità agroalimentare per competere con Paesi come il Brasile

Con i colleghi della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo sono in Brasile per visitare alcune aziende agricole.   La loro dimensione è imparagonabile con quelle italiane ed Europee, migliaia di ettari con colture prevalentemente omogenee di soia e di mais. Queste dimensioni, unite ad un clima mite che consente agli agricoltori brasiliani una produzione su▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma EFSA: un passo avanti verso la trasparenza

Ricordate la questione del glifosato, contro il quale l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ha raccolto oltre un milione di firme lo scorso anno? Ne ho parlato anche qui: https://goo.gl/q2G6Sq. Riassumendo, l’ICE si batteva contro il rinnovo da parte dell’Unione Europea dell’uso del glifosato, un pesticida che costituisce una minaccia chimica per la conservazione della biodiversità.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mamme No Pfas a Bruxelles

Le mamme No Pfas, unite per liberare le acque del Veneto dai contaminanti chimici, hanno incontrato a Bruxelles i deputati all’Europarlamento per portare all’attenzione dell’assemblea il problema che sta attanagliando le province di Verona, Padova e Vicenza, con concentrazioni al disopra dei livelli consentiti. Una questione non soltanto ambientale, ma anche e soprattutto sanitaria, sorta▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#IoSonoNelContratto a Villafranca

Bellissima giornata oggi a #VillafrancaDiVerona con Clara Zanetti M5S, candidata Sindaco, e i candidati portavoce e gli attivisti locali. Abbiamo incontrato tantissimi cittadini a cui abbiamo spiegato il contratto per il Governo del cambiamento e il programma per le amministrativa.

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare