pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento, visto che si punta troppo spesso sulla quantità piuttosto che sulla qualità.

I membri dell’associazione vogliono recuperare queste varietà, che magari sono anche andate perdute, capire lo sbocco che possono avere sul mercato e poi posizionarle, in modo da stabilirne un prezzo dignitoso per il prodotto, il produttore e il consumatore. Questo approccio sta funzionando. Molti prodotti come frutti antichi o uve antiche stanno trovando delle nicchie di mercato molto interessanti, attratte non solo dal prodotto ma anche dalla sua associazione alla tradizione e a caratteristiche nutrizionali notevoli. Istruendo i possibili acquirenti e rendendoli partecipi di tali peculiarità si riesce a riconoscere un prezzo finale più che equo.

Il meccanismo diventa poi virtuoso, perché la qualità è talmente elevata che si sta ritrovando l’equilibrio tra quantità e valore economico, facendo aumentare la richiesta.

Un approccio davvero ottimo che restituisce dignità e valore al territorio, uscendo da quei circoli viziosi economici che rischiano di soffocare chi vuole fare impresa nel mondo agroalimentare, e si trova costretto a produrre sempre di più, abbassando i prezzi, e non riuscendo più ad essere competitivo.

Qui, invece, si produce quello che il territorio permette e si soddisfa la richiesta rispettando le capacità produttive. Sembra un approccio antieconomico, ma in realtà genera una catena virtuosa che aumenta la richiesta e la produzione. La crescita è lenta perché rispetta la sostenibilità ambientale ed economica del progetto.

Queste realtà sono la dimostrazione che un altro modo di fare agricoltura è possibile, uscendo da canoni che mirano solo alla quantità, dando nuova vita ai territori e generando un ritorno dal punto di vista sociale.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

PFAS: l’Europa perde l’occasione di salvaguardare la salute dei suoi cittadini

L’Europa ha perso una grande occasione di garantire la salute e la sicurezza dei suoi cittadini. Martedì, infatti, nella seduta Plenaria radunata nella sede di Strasburgo è passato l’aggiornamento alla direttiva del 1998 sull’acqua potabile. Una parte rilevante di questa direttiva nasce da un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), che ha visto raccolte quasi due milioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il “Piano Marshall” del Ministero dell’Ambiente contro il dissesto

“Siamo in un Paese particolarmente fragile e mai come in questi giorni lo vediamo con i nostri occhi. Almeno 7,5 milioni di cittadini vivono o lavorano in aree a rischio frane o alluvioni. Il Veneto, Belluno, la Sicilia, la Calabria, il Lazio… non c’è una regione d’Italia che sia immune da questo problema. Servono azioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Glifosato e Monsanto: sempre più le prove che confermano la relazione del pesticida con il cancro

Sempre di più sono le cause legali che vengono messe in piedi contro la Monsanto, la multinazionale che si occupa di biotecnologie agrarie e che da qualche mese è stata acquisita dalla Bayer. La storia che negli ultimi giorni ha ottenuto maggior risalto mediatico è stata quella di DeWayne Johnson, un ex giardiniere che per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare