pubblicato il

Scenari post Brexit: no ai tagli all’agricoltura e ai fondi per le Regioni


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

I tagli previsti all’agricoltura e ai fondi per le Regioni sono inconcepibili. La richiesta portata avanti dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz, che ha sollecitato tagli a diversi programmi comunitari, è di fatto antieuropeista. Non dimentichiamo che l’Austria assumerà a luglio la presidenza di turno dell’Ue: proprio l’Austria che prima dimostra di voler abbandonare la collaborazione europea, chiudendo le frontiere ai migranti, ora chiede tagli al budget. Questi sono esempi reali di antieuropeismo, ma fanno poco scalpore perché formalmente appartengono ai gruppi politici dominanti a Bruxelles. Infatti, non dimentichiamoci che Kurz è alleato di Berlusconi in Europa, entrambi fanno parte del Partito Popolare Europeo.

A mio avviso è fondamentale puntare sui risparmi: per far ciò bisogna analizzare attentamente come vengono utilizzati i fondi per far venire a galla le spese realmente inutili e al contempo comprendere come migliorare l’efficienza di quelle indispensabili.

Inoltre, ribadisco con forza anche in questa sede, che non ci può essere una convergenza dell’ammontare dei pagamenti diretti negli Stati membri: gli agricoltori di quei Paesi in cui il costo della vita è più alto non devono essere penalizzati. Non dimentichiamo inoltre quanto sia importante agevolare le piccole aziende che ovviamente fanno più fatica sul mercato trovandosi a competere con i grandi colossi

Non bisogna sottovalutare poi i dati che ci dicono che in un decennio, a partire dal 2005, la dimensione delle aziende è aumentata del 36% e il numero delle aziende agricole è diminuito del 3,8% circa: questo significa che si va verso una vera e propria industrializzazione dell’agricoltura. Dunque a mio avviso i pagamenti devono essere calcolati in modo da favorire quelle aziende che generano maggiore occupazione in proporzione all’estensione, decrescendo con l’aumentare della dimensione per disincentivare le speculazioni di cui, ad oggi, soffre il mercato fondiario.

Ci vuole una forte strategia e una volontà comune in questo senso: basta tagli ad un settore così importante quale l’agricoltura, sì alla razionalizzazione delle risorse e al taglio degli sprechi.

Immagine Commissione europea


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Fucina – Il futuro in tavola

Io personalmente penso che la politica abbia una responsabilità enorme nel costruire il futuro. Penso però anche che sia la buona volontà dei cittadini a determinare la strada concreta da poter intraprendere. Ecco perché nell’evento “Fucina – Il futuro in tavola” tenutosi a Palmanova ho voluto fortemente coinvolgere chi, con le proprie azioni, si è▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Italia non è più sola: facciamo il punto sul tema migranti

Un tema sempre molto caldo, che ha accompagnato fin dall’inizio in nostro Governo del Cambiamento, è quello dei migranti. Partivamo da una situazione in cui l’Italia era costretta a subire passivamente e a gestire in autonomia tutti gli sbarchi e i richiedenti asilo che si avvicinavano alle proprie coste. Ma con il Governo Conte l’Italia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A Cordenons per sostenere l’iniziativa “Adotta un’aiuola”

Encomiabile azione quella del M5S Cordenons, che con “adotta un’aiuola” gestirà per 3 anni il parco pubblico di questa bella cittadina della provincia di Pordenone, in Friuli Venezia Giulia. L’iniziativa lanciata dall’amministrazione comunale è stata colta subito con favore dai consiglieri pentastellati Gianpaolo Biason e Paola De Anna che, insieme agli attivisti del Movimento e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma EFSA: un passo avanti verso la trasparenza

Ricordate la questione del glifosato, contro il quale l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ha raccolto oltre un milione di firme lo scorso anno? Ne ho parlato anche qui: https://goo.gl/q2G6Sq. Riassumendo, l’ICE si batteva contro il rinnovo da parte dell’Unione Europea dell’uso del glifosato, un pesticida che costituisce una minaccia chimica per la conservazione della biodiversità.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare