pubblicato il

Sempre più vicini a un accordo contro le pratiche sleali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come vi avevo già anticipato qui: https://goo.gl/MUa6XT, la scorsa settimana ho partecipato in aula alla discussione sulle pratiche sleali. Ho apprezzato l’ottimo lavoro che il relatore ha fatto presentando il suo progetto e condivido molte delle soluzioni che sono state proposte rispetto alle perplessità che avevo esposto nei precedenti dibattiti.

Mi trovo d’accordo sul fatto di stabilire dei criteri generali per individuare e definire effettivamente una pratica sleale. Sarebbe anche opportuno ampliare l’ambito di applicazione della direttiva per fare in modo che si possa comprendere tra le pratiche sleali anche quelle che si verificano in relazione alla fornitura di servizi da parte dell’acquirente collegati all’acquisto dei prodotti. Come mi è stato denunciato in riferimento a una grande catena, il compratore sì pattuisce un buon prezzo di acquisto, ma poi ‘obbliga’ chi vende, per esempio il contadino, a usufruire di un suo servizio a pagamento per scaricare la merce nei magazzini.

Già in precedenti discussioni è emerso il fattore “paura”, espresso nel fatto che i fornitori vessati spesso non denunciano il sopruso per timore di future ritorsioni. La soluzione ideale sarebbe dare la possibilità anche agli attori della società civile di sporgere denuncia presso le autorità competenti, sollevando così il singolo fornitore da tale incombenza.
È importante chiarire che si tratta di un provvedimento a tutela degli attori della filiera più deboli e quindi vessati, non di un atto punitivo nei confronti della grande distribuzione in quanto tale.

Altro elemento fondamentale è la creazione di un forte network tra le autorità nazionali designate, che agiscano secondo un’uniformità di criteri per quanto riguarda l’individuazione e la quantificazione delle sanzioni. Così sarebbe possibile evitare anche il “forum shopping”, ovvero la possibilità degli acquirenti di scegliere attraverso quale Paese sia più conveniente effettuare i propri acquisti.
La necessità di un coordinamento tra le autorità nazionali ancor più evidente se si parla di indagini, visto che spesso su questi temi hanno carattere transfrontaliero.

Qui potete guardare il mio intervento il Commissione.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’arte del Friuli Venezia Giulia condivisa in Europa

Felice di aver assistito all’evento “Heroes Beyond Boundaries” (Eroi oltre i confini) del fumettista pordenonese Giulio De Vita al Comitato europeo delle Regioni a Bruxelles lo scorso mercoledì. Un momento importante per conoscere e ragionare sul linguaggio della fumettistica, arte di cui il Friuli Venezia Giulia conta vari importanti esponenti!  

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Incontro con il Segretario Generale delle Nazioni Unite: la mancanza di parità di genere è influenzata da logiche di potere radicate

Ieri sera ho partecipato ad un incontro con António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite. Nel dibattere sul tema della parità di genere Guterres ha sottolineato come come questo obiettivo sia fortemente influenzato da logiche di potere radicate. Ciò lo si vede dal fatto che le norme che forzano in direzione della parità di genere▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare