pubblicato il

Sempre più vicini a un accordo contro le pratiche sleali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come vi avevo già anticipato qui: https://goo.gl/MUa6XT, la scorsa settimana ho partecipato in aula alla discussione sulle pratiche sleali. Ho apprezzato l’ottimo lavoro che il relatore ha fatto presentando il suo progetto e condivido molte delle soluzioni che sono state proposte rispetto alle perplessità che avevo esposto nei precedenti dibattiti.

Mi trovo d’accordo sul fatto di stabilire dei criteri generali per individuare e definire effettivamente una pratica sleale. Sarebbe anche opportuno ampliare l’ambito di applicazione della direttiva per fare in modo che si possa comprendere tra le pratiche sleali anche quelle che si verificano in relazione alla fornitura di servizi da parte dell’acquirente collegati all’acquisto dei prodotti. Come mi è stato denunciato in riferimento a una grande catena, il compratore sì pattuisce un buon prezzo di acquisto, ma poi ‘obbliga’ chi vende, per esempio il contadino, a usufruire di un suo servizio a pagamento per scaricare la merce nei magazzini.

Già in precedenti discussioni è emerso il fattore “paura”, espresso nel fatto che i fornitori vessati spesso non denunciano il sopruso per timore di future ritorsioni. La soluzione ideale sarebbe dare la possibilità anche agli attori della società civile di sporgere denuncia presso le autorità competenti, sollevando così il singolo fornitore da tale incombenza.
È importante chiarire che si tratta di un provvedimento a tutela degli attori della filiera più deboli e quindi vessati, non di un atto punitivo nei confronti della grande distribuzione in quanto tale.

Altro elemento fondamentale è la creazione di un forte network tra le autorità nazionali designate, che agiscano secondo un’uniformità di criteri per quanto riguarda l’individuazione e la quantificazione delle sanzioni. Così sarebbe possibile evitare anche il “forum shopping”, ovvero la possibilità degli acquirenti di scegliere attraverso quale Paese sia più conveniente effettuare i propri acquisti.
La necessità di un coordinamento tra le autorità nazionali ancor più evidente se si parla di indagini, visto che spesso su questi temi hanno carattere transfrontaliero.

Qui potete guardare il mio intervento il Commissione.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Le interviste

In occasione dell’evento che ho organizzato al Parlamento europeo di Bruxelles per sottolineare l’importanza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per le imprese, ho avuto l’opportunità di confrontarmi e avere uno scambio di idee con alcuni dei protagonisti della giornata: Marco Antonio Attisani, Fondatore della Startup innovativa italia Watly; Erico Giovannini, Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Italia 5 Stelle 2018

Sono state due giornate ricche di eventi e belle persone che hanno riempito il Circo Massimo di Roma. Abbiamo parlato insieme e ci siamo confrontati sui temi del Governo e sull’Europa, condividendo idee e nuovi spunti. Ci tengo a dire grazie a tutti voi che c’eravate e anche a chi ci ha seguito da casa!▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

PFAS: l’Europa perde l’occasione di salvaguardare la salute dei suoi cittadini

L’Europa ha perso una grande occasione di garantire la salute e la sicurezza dei suoi cittadini. Martedì, infatti, nella seduta Plenaria radunata nella sede di Strasburgo è passato l’aggiornamento alla direttiva del 1998 sull’acqua potabile. Una parte rilevante di questa direttiva nasce da un’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE), che ha visto raccolte quasi due milioni▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Corte di Giustizia europea: nuove biotecnologie con le stesse restrizioni degli OGM

Le istituzioni europee questa volta stanno dalla parte dei cittadini. Alcune associazioni francesi hanno fatto ricorso al proprio governo per arrivare a porre un divieto sulla coltivazione e la successiva vendita di varietà vegetali che avessero subito una mutazione nella struttura del DNA. La Corte di Giustizia europea si è espressa pochi giorni fa a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare