pubblicato il

Sempre più vicini a un accordo contro le pratiche sleali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come vi avevo già anticipato qui: https://goo.gl/MUa6XT, la scorsa settimana ho partecipato in aula alla discussione sulle pratiche sleali. Ho apprezzato l’ottimo lavoro che il relatore ha fatto presentando il suo progetto e condivido molte delle soluzioni che sono state proposte rispetto alle perplessità che avevo esposto nei precedenti dibattiti.

Mi trovo d’accordo sul fatto di stabilire dei criteri generali per individuare e definire effettivamente una pratica sleale. Sarebbe anche opportuno ampliare l’ambito di applicazione della direttiva per fare in modo che si possa comprendere tra le pratiche sleali anche quelle che si verificano in relazione alla fornitura di servizi da parte dell’acquirente collegati all’acquisto dei prodotti. Come mi è stato denunciato in riferimento a una grande catena, il compratore sì pattuisce un buon prezzo di acquisto, ma poi ‘obbliga’ chi vende, per esempio il contadino, a usufruire di un suo servizio a pagamento per scaricare la merce nei magazzini.

Già in precedenti discussioni è emerso il fattore “paura”, espresso nel fatto che i fornitori vessati spesso non denunciano il sopruso per timore di future ritorsioni. La soluzione ideale sarebbe dare la possibilità anche agli attori della società civile di sporgere denuncia presso le autorità competenti, sollevando così il singolo fornitore da tale incombenza.
È importante chiarire che si tratta di un provvedimento a tutela degli attori della filiera più deboli e quindi vessati, non di un atto punitivo nei confronti della grande distribuzione in quanto tale.

Altro elemento fondamentale è la creazione di un forte network tra le autorità nazionali designate, che agiscano secondo un’uniformità di criteri per quanto riguarda l’individuazione e la quantificazione delle sanzioni. Così sarebbe possibile evitare anche il “forum shopping”, ovvero la possibilità degli acquirenti di scegliere attraverso quale Paese sia più conveniente effettuare i propri acquisti.
La necessità di un coordinamento tra le autorità nazionali ancor più evidente se si parla di indagini, visto che spesso su questi temi hanno carattere transfrontaliero.

Qui potete guardare il mio intervento il Commissione.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il referendum propositivo per dare voce concreta ai cittadini

La sovranità appartiene al popolo e con il referendum propositivo le persone la potranno esercitare concretamente! La costituzione prevede che l’iniziativa delle leggi sia riconosciuta al Governo, al Parlamento e ai cittadini ma manca uno strumento che renda effettivo l’esercizio della democrazia diretta da parte dei cittadini stessi. Noi del MoVimento 5 Stelle vogliamo rafforzare▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Uno screenshot sul tempo elettorale

Siamo quasi in chiusura della campagna elettorale, e mi viene spontanea una riflessione. Il tempo prima del voto è un tempo strano, un po’ assurdo. Tutto accelera, si corre, si scappa, si pensa di dover raggiungere tutti, essere ovunque e convincere chiunque. In molti comuni si asfaltano le strade, si mettono giochi nuovi nei parchi.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Se lo diciamo, lo facciamo!

Il contatto e la presenza costante sul territorio, fin dai tempi dei gazebi nelle piazze agli albori del Movimento 5 Stelle, ci hanno permesso di raccogliere le voci e le proposte dei cittadini e portarle con noi all’interno delle istituzioni a qualsiasi livello. Ora, dopo sette mesi di Governo, possiamo cominciare a raccontare quanto fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Cambiamo in meglio questo mondo, insieme!

Ciao, come sapete, in questi cinque anni da eurodeputato al Parlamento Europeo, ho fatto parte della ‘Commissione Agricoltura’ dove ho portato avanti battaglie per una agricoltura sostenibile, senza pesticidi né OGM, e che salvaguardi le eccellenze locali creando reddito per gli agricoltori e il territorio. In ‘Commissione Mercato Interno e Protezione dei Consumatori’ ho seguito▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare