pubblicato il

Sempre più vicini a un accordo contro le pratiche sleali


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Come vi avevo già anticipato qui: https://goo.gl/MUa6XT, la scorsa settimana ho partecipato in aula alla discussione sulle pratiche sleali. Ho apprezzato l’ottimo lavoro che il relatore ha fatto presentando il suo progetto e condivido molte delle soluzioni che sono state proposte rispetto alle perplessità che avevo esposto nei precedenti dibattiti.

Mi trovo d’accordo sul fatto di stabilire dei criteri generali per individuare e definire effettivamente una pratica sleale. Sarebbe anche opportuno ampliare l’ambito di applicazione della direttiva per fare in modo che si possa comprendere tra le pratiche sleali anche quelle che si verificano in relazione alla fornitura di servizi da parte dell’acquirente collegati all’acquisto dei prodotti. Come mi è stato denunciato in riferimento a una grande catena, il compratore sì pattuisce un buon prezzo di acquisto, ma poi ‘obbliga’ chi vende, per esempio il contadino, a usufruire di un suo servizio a pagamento per scaricare la merce nei magazzini.

Già in precedenti discussioni è emerso il fattore “paura”, espresso nel fatto che i fornitori vessati spesso non denunciano il sopruso per timore di future ritorsioni. La soluzione ideale sarebbe dare la possibilità anche agli attori della società civile di sporgere denuncia presso le autorità competenti, sollevando così il singolo fornitore da tale incombenza.
È importante chiarire che si tratta di un provvedimento a tutela degli attori della filiera più deboli e quindi vessati, non di un atto punitivo nei confronti della grande distribuzione in quanto tale.

Altro elemento fondamentale è la creazione di un forte network tra le autorità nazionali designate, che agiscano secondo un’uniformità di criteri per quanto riguarda l’individuazione e la quantificazione delle sanzioni. Così sarebbe possibile evitare anche il “forum shopping”, ovvero la possibilità degli acquirenti di scegliere attraverso quale Paese sia più conveniente effettuare i propri acquisti.
La necessità di un coordinamento tra le autorità nazionali ancor più evidente se si parla di indagini, visto che spesso su questi temi hanno carattere transfrontaliero.

Qui potete guardare il mio intervento il Commissione.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per il digital

Le città occupano soltanto il 3% della superficie del mondo, eppure sono la causa del consumo di ben tre quarti dell’uso di risorse e del 75% delle emissioni globali. È per questo motivo che ho dedicato il mio impegno politico anche a sostegno di un investimento mirato in infrastrutture sostenibili e ricerca, in modo tale▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Giornata Nazionale per la Prevenzione dello Spreco Alimentare

Oggi è la Giornata Nazionale per la prevenzione dello spreco alimentare. I dati che ci arrivano su questo tema dagli Osservatori nazionali e dalla FAO, sono tutt’altro che rassicuranti. In Italia lo spreco alimentare supera i 15 miliardi all’anno che equivale allo 0,88% del PIL. Un numero terribilmente preoccupante. Inoltre, va sottolineato un particolare: l’80%▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO. Come funzionano? La procedura è molto simile a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Se lo diciamo, lo facciamo!

Il contatto e la presenza costante sul territorio, fin dai tempi dei gazebi nelle piazze agli albori del Movimento 5 Stelle, ci hanno permesso di raccogliere le voci e le proposte dei cittadini e portarle con noi all’interno delle istituzioni a qualsiasi livello. Ora, dopo sette mesi di Governo, possiamo cominciare a raccontare quanto fatto▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare