pubblicato il

In Senato il CETA non deve passare!


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Fermiamo l’accordo che i partiti hanno approvato tradendo i cittadini.

L’ho detto più volte e continuo a ribadirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e mette a rischio il sistema di garanzie che tutelano consumatori e agricoltori.

Il CETA non porterà nessun beneficio alla nostra crescita economica, anzi, si calcola che in Europa si perderanno oltre 200.000 posti di lavoro.

stopcetameme

Questo trattato non solo mette a rischio le PMI italiane e le eccellenze del Made in Italy, ma mette anche a rischio la salute dei cittadini: in Canada infatti, sono utilizzate sostanze attive che sono vietate nell’Unione europea (come l’Acefato, il Carbaryl, il Paraquat, l’acido solforico) poiché estremamente tossiche e con effetti neurotossici e cancerogeni. Non di meno Il CETA porta sulle nostre tavole OGM, carne con ormoni e steroidi (il Canada usa la ractopamina, sugli animali da macello, un pericoloso steroide).

Non possiamo lasciare che questo accada: domani, martedì 25 luglio, il Senato non deve approvare questo trattato suicida per l’Italia e per l’Europa!

Vi invito ancora una volta ad essere partecipi, a non mollare, a mostrare che i cittadini non stanno dormendo: lanciamo dunque una nuova ondata di pressioni sui senatori e convinciamoli a rimandare ogni decisione fino a quando non avranno le idee più chiare sui rischi che questo trattato scellerato comporta per l’Italia e i suoi cittadini! Qui gli indirizzi email dei Senatori e tutte le istruzioni su come contattarli: (http://bit.ly/2uwP3wJ)

L’unione fa la forza, non molliamo! #StopCETA


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Cittadini dentro le istituzioni: l’incontro con il gruppo dal FVG al Parlamento europeo

Ogni anno il Parlamento europeo offre la possibilità ai propri cittadini, tramite il portavoce, di organizzare una visita guidata a Bruxelles per vedere “dal vivo” la struttura e conoscerne i meccanismi, troppo spesso ignorati. Credo molto in questa iniziativa, perché avvicina la gente alle istituzioni offrendo spazi di incontro, di ascolto e di informazione. È▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Portabilità transfrontaliera, dal 1 aprile i tuoi abbonamenti online potranno viaggiare con te in tutta Europa

Come vi avevo annunciato alcuni mesi fa (http://marcozullo.it/campagne/portabilita/) dal 1° aprile entrano in vigore in tutta Europa le norme che regolano la fruizione dei contenuti online in abbonamento. Cosa vuol dire? Che siamo riusciti a garantire che se acquistiamo in Italia un abbonamento ad un servizio online per guardare dei film o la serie tv▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare