pubblicato il

Sikkim, lo stato indiano esempio di un’agricoltura senza pesticidi


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Esiste in India un piccolo Stato che giace tra le alte montagne dell’Himalaya, il Sikkim, un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo. Come mai? È semplice! Il Sikkim, da 15 anni a questa parte ha dato una svolta grandiosa alla sua agricoltura. Grazie al suo primo ministro Pawan Kumar Chamling, infatti, nel 2003 ha iniziato a eliminare l’uso dei pesticidi nelle coltivazioni, prima gradualmente e poi in maniera definitiva per rendere biologiche tutte le sue colture.

Tale cambiamento è nato dall’esigenza di ridurre il grande numero di malati di cancro, l’inquinamento e la contaminazione dei prodotti della terra e dell’acqua. Queste ultime sono le conseguenze dell’enorme uso di pesticidi che lo Stato indiano ha fatto negli anni ’60 e ’70 per incrementare la sua agricoltura e renderla più redditizia, ma che poi non si è rivelata la soluzione migliore in termini di salute e ambiente.
Non è stato un percorso facile ma, come racconta lo stesso primo ministro, attraverso l’educazione e la formazione degli agricoltori, si è riusciti a far capire l’importanza e la convenienza di un’agricoltura biologica per tutti. Ad oggi è concesso l’uso esclusivo di fertilizzanti naturali, che hanno permesso dei benefici sulla salute umana, un ripopolamento della fauna caratteristica e soprattutto delle api, insetti fondamentali per l’impollinazione delle piante di spezie coltivate in queste zone. Inoltre, aspetto non meno importante vista l’attuale situazione dell’agricoltura, c’è stato anche un notevole aumento del guadagno per i coltivatori, dovuto alla migliore qualità del cibo che viene prodotto.
Tutto ciò ritengo che debba servire da esempio. Un valido modello da seguire, segno che un’agricoltura totalmente biologica è fattibile, se adeguatamente promossa e valorizzata. Mi trovo, inoltre, d’accordo con il primo ministro Chamling quando afferma che per fare in modo che venga compreso il vero valore del biologico, sia per la salute che per l’ambiente, sia necessario affidarsi all’educazione e alla formazione delle persone.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Vinitaly, una grande strada verso il futuro

Ieri non potevo mancare al grande appuntamento veronese, viste tra l’altro le mie origini, ovvero alla 52esima edizione di Vinitaly, manifestazione di settore che possiamo definire come una delle più importanti al mondo se non la numero uno, con oltre 4.300 espositori e 36 paesi partecipanti. Al di là dell’enorme offerta, quasi disorientante,  è stata▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Giù le armi dai lupi

Una forte presa di posizione quella del Ministro dell’Ambiente Sergio Costa sulla questione dei lupi. Il Ministro ha fatto sentire la sua voce per fermare la richiesta della regione Veneto, che proponeva di allontanare i lupi dalle zone abitate dell’altopiano di Asiago utilizzando proiettili di gomma, ma sparati solo da figure qualificate come la vigilanza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Le eccellenze del Made in Italy come il fumo?

Olio, Parmigiano, ma anche i nostri vini e la pizza stanno correndo un serio pericolo. In questi giorni l’ONU, tramite la sua agenzia speciale per la sanità (OMS) ha reso noto che intende promuovere una tassazione per tutti i prodotti che vengono classificati come poco sani, perchè contenenti sale, grassi e zucchero. Le eccellenze del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Colli Euganei o montagne tossiche?

È con una nota di dispiacere che vi racconto l’esperienza che ho fatto venerdì. Da Bruxelles sono volato in Veneto, per la precisione a Pernumia, nei pressi di Padova. Ad accogliere me e la mia collega Eleonora Evi non c’erano solo i Colli Euganei, ma anche montagne di rifiuti speciali, classificati come tossici. È questo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare