pubblicato il

Sikkim, lo stato indiano esempio di un’agricoltura senza pesticidi


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Esiste in India un piccolo Stato che giace tra le alte montagne dell’Himalaya, il Sikkim, un esempio per tutti gli altri Paesi del mondo. Come mai? È semplice! Il Sikkim, da 15 anni a questa parte ha dato una svolta grandiosa alla sua agricoltura. Grazie al suo primo ministro Pawan Kumar Chamling, infatti, nel 2003 ha iniziato a eliminare l’uso dei pesticidi nelle coltivazioni, prima gradualmente e poi in maniera definitiva per rendere biologiche tutte le sue colture.

Tale cambiamento è nato dall’esigenza di ridurre il grande numero di malati di cancro, l’inquinamento e la contaminazione dei prodotti della terra e dell’acqua. Queste ultime sono le conseguenze dell’enorme uso di pesticidi che lo Stato indiano ha fatto negli anni ’60 e ’70 per incrementare la sua agricoltura e renderla più redditizia, ma che poi non si è rivelata la soluzione migliore in termini di salute e ambiente.
Non è stato un percorso facile ma, come racconta lo stesso primo ministro, attraverso l’educazione e la formazione degli agricoltori, si è riusciti a far capire l’importanza e la convenienza di un’agricoltura biologica per tutti. Ad oggi è concesso l’uso esclusivo di fertilizzanti naturali, che hanno permesso dei benefici sulla salute umana, un ripopolamento della fauna caratteristica e soprattutto delle api, insetti fondamentali per l’impollinazione delle piante di spezie coltivate in queste zone. Inoltre, aspetto non meno importante vista l’attuale situazione dell’agricoltura, c’è stato anche un notevole aumento del guadagno per i coltivatori, dovuto alla migliore qualità del cibo che viene prodotto.
Tutto ciò ritengo che debba servire da esempio. Un valido modello da seguire, segno che un’agricoltura totalmente biologica è fattibile, se adeguatamente promossa e valorizzata. Mi trovo, inoltre, d’accordo con il primo ministro Chamling quando afferma che per fare in modo che venga compreso il vero valore del biologico, sia per la salute che per l’ambiente, sia necessario affidarsi all’educazione e alla formazione delle persone.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per le imprese

Da anni mi sto impegnando perché, attraverso la ricerca, le imprese possano raggiungere un alto livello di competitività e innovazione. La chiave per ottenere questi risultati è puntare verso lo sviluppo di tecnologie sempre più pulite e rispettose dell’ambiente, accessibili e applicabili a qualunque tipo di impresa. In questo modo, non solo si potrà perseguire▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Approvati i nostri emendamenti sulle pratiche sleali

Più volte abbiamo parlato su questo blog delle pratiche commerciali sleali, un tema a me molto caro, in quanto argomento trattato dalla Commissione Agricoltura di cui faccio parte. Lunedì 1° ottobre abbiamo votato a Strasburgo la proposta di direttiva, che ha lo scopo di impedire il ricorso alle pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Tutelato il riso italiano grazie ai dazi sull’importazione da Cambogia e Myanmar

La Commissione europea ha finalmente accolto le richieste sostenute a gran voce dal Movimento 5 Stelle e dal Governo Conte, di introdurre i dazi sulle importazioni di riso dalla Cambogia e dal Myanmar. Si tratta della battaglia sul riso di cui vi avevo già parlato in questo articolo: bit.ly/Dazi_Riso. Quest’anno per ogni tonnellata di riso▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO. Come funzionano? La procedura è molto simile a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare