pubblicato il

Sistema alimentare sostenibile, l’Europa latita


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il Movimento 5 Stelle sostiene l’iniziativa del gruppo direttivo per l’alimentazione sostenibile (EU Food Sense), che da tempo è in pressing sulla Commissione Europea affinché si giunga alla pubblicazione della “comunicazione sulla realizzazione di un sistema alimentare europeo sostenibile”.

ciboL’uscita della comunicazione era prevista per fine 2013-inizio 2014, ma è stata ripetutamente posticipata senza valide motivazioni. A quanto si dice a Bruxelles, la Commissione sta ritardando questa importantissima comunicazione per paura di una forte reazione da parte di alcune formazioni euroscettiche. A riprova di ciò, Juan Manuel Barroso, all’ultimo giorno del suo indimenticabile mandato, ha voluto rispondere con una missiva ai deputati che lo avevano
sollecitato: “La Commissione non ha mai preso alcun impegno a presentare una Comunicazione sull’alimentazione sostenibile”. La lettera inviata da Barroso è pervasa dell’atteggiamento pilatesco che lo ha contraddistinto per tutta la durata del suo ufficio. Barroso, infatti, non solo ignora che una comunicazione in materia di sostenibilità alimentare consentirebbe ai legislatori nazionali e locali di avvalersi di uno strumento a tutto tondo per affrontare in maniera netta il problema dei rifiuti alimentari, ma scrive a chiare lettere che “non tutte le questioni devono essere affrontate dall’Ue” e che “non è stato dimostrato che la sostenibilità alimentare non possa essere adeguatamente raggiunta dai soli Stati Membri.

BARROSSO_2713186bEppure, secondo numerosi studi, ultimo dei quali quello pubblicato dalle Nazioni Unite, il settore alimentare è tra i principali driver di inquinamento atmosferico e dell’aria. Produce inoltre una quantità enorme di gas serra. Una strategia chiara a livello europeo su produzione e consumo di cibo avrebbe dunque effetti considerevoli sulla lotta al cambiamento climatico, una materia di “competenza” europea, come dimostra il Consiglio Europeo del 23 e 24 ottobre
sugli obiettivi climatici al 2030. Oltre alla Comunicazione, l’Ue dovrebbe spingere su politiche che diffondano stili di vita e alimentazione sani, che alla lunga consentirebbero di ridurre pure la spesa sanitaria. Viene da sorridere, poi, se si pensa a quanto accaduto nelle scorse settimane con il furto delle cariche ai danni del Movimento 5 Stelle. Quando vogliono, centrosinistra e centrodestra europeo (S&D e PPE) fanno quadrato e raggiungono in tempi brevi il risultato desiderato. Perché questo non viene fatto con una questione di grande importanza come il futuro del sistema
alimentare?

Proprio in questi minuti si sta parlando di spreco alimentare a Milano, in un convegno organizzato dal Movimento 5 Stelle, al quale intervengono Luigi Rossi (il caso di Pane Quotidiano), Andrea Giussani (l’attività del Banco Alimentare), Marco Melli (App Breading), Mario Furlan (l’attività dei City Angels in questo
ambito) e Valter Molinaro (il progetto “buon fine” di Coop Lombardia).


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!

La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro. Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Evento > Alimentare: dal nutrimento sano al benessere sociale

L’evento “Alimentare” sarà un momento di condivisione e confronto sul tema dell’economia sana, legata indissolubilmente al benessere della persona. In questo senso, il titolo scelto assume un carattere più ampio: alimentare inteso come nutrimento del corpo, della mente, della terra e della società. Questo è in breve l’appuntamento che si terrà a Bologna sabato 13▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare