pubblicato il

Solagna, Vicenza: la reintroduzione del glifosato è un passo indietro vergognoso


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ciò che è successo il 31 luglio sera in Consiglio comunale a Solagna (VI) rappresenta un vergognoso passo indietro per la salute dei cittadini: è stata revocata la delibera M5S -approvata l’anno scorso in data 29.03.2016- che aboliva di fatto l’utilizzo di prodotti a base di glifosato da parte del Comune e dell’Unione Montana nel territorio del Comune di Solagna. Da oggi invece questo pesticida è stato reintrodotto.

Il glifosato è il simbolo di quella agricoltura industriale e intensiva, basata sull’uso ordinario della chimica di sintesi, che costituisce una delle maggiori minacce per la conservazione della biodiversità a livello globale. Fondamentale è invece il principio di precauzione: è possibile fare uso di prodotti e azioni sostenibili che non intaccano la salute dei cittadini e l’ambiente. Perché quindi fare questo passo indietro?

Sono davvero allibito dalla revoca della delibera. Reintrodurre il glifosato significa fare un vergognoso passo indietro a favore di interventi invasivi e chimici tipici dei diserbanti con il glifosato.

Non dimentichiamo che 16 maggio la Commissione Europea ha deciso di iniziare nuovamente un dialogo con gli Stati membri  per il rinnovo del permesso dell’uso del glifosato: gli Stati dovranno votare entro fine anno. Uno Stato membro può comunque non autorizzarli.  Mi batterò affinché la Commissione non approvi e, nel malaugurato caso in cui lo facesse, che l’Italia non autorizzi il suo uso!

Dobbiamo accendere un riflettore su questo caso affinché tutti sappiano chi, in Consiglio comunale si batte per la loro salute e chi invece, senza nessuna remora, decide di revocare una delibera che metteva al centro la salute dei cittadini!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Glifosato e Bayer: arriva la terza condanna

La casa farmaceutica Bayer perde, per la terza volta consecutiva, il processo sul Roundup, diserbante prodotto dal colosso americano Monsanto, ora controllato dalla stessa società tedesca. Il tribunale superiore di Oakland, California, ha dichiarato che l’azienda non ha adeguatamente esplicitato i rischi legati all’utilizzo del prodotto. La giuria ha quindi condannato Bayer al risarcimento di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!

La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro. Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze

Con questo post vorrei raccontarvi il lavoro fatto in questi 5 anni, parlo di agricoltura, ma di fondo vi è un approccio, una visione che riguarda il futuro, un futuro che vede lo svilupparsi della società attorno alla persona. Al di là della appartenenza politica è impossibile pensare di poter costruire un percorso di crescita▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare